sabato, 30 agosto 18℃

Mensa occupata, Studenti per le Libertà: "Si è creato un grave disservizio"

"Studenti per le Libertà" si scaglia contro l'occupazione della mensa universitaria durante la giornata di mobilitazione generale. Secondo l'associazione creare disservizi sarebbe un controsenso

redazione 14 novembre 2012

L'associazione "Studenti per le libertà" esprime il suo dissenso per quanto riguarda l'occupazione della mensa universitaria durante la giornata di mobilitazione generale, a cui hanno partecipato studenti e precari contro i tagli e le politiche di austerity.

"Oggi le organizzazioni studentesche di sinistra hanno occupato oggi la mensa distribuendo gratuitamente decine di pasti dicono 'Studenti per le liberta'', criticando il gesto -  l'occupazione  è un atto di violenza: in nome del diritto al dissenso e alla protesta, vengono calpestate le libertà individuali di molti studenti ai quali viene impedito di usufruire degli spazi ad essi destinati, siano questi aule, biblioteche, mense od uffici per servizi".

"L'occupazione della mensa - prosegue la nota degli studenti vicini al Pdl - non ha solo provocato l'interruzione di un fondamentale servizio offerto dall'ateneo, ma ha causato gravi perdite economiche con la distribuzione gratuita e incontrollata dei pasti. La paralisi della mensa si è protratta anche successivamente alla fine del blitz condotto dalle componenti di sinistra".

Annuncio promozionale

"Inutile precisare che prima della riapertura sono stati necessari interventi di sanificazione e igienizzazione dei locali interessati (cucina e mensa). È evidente a tutti che i disagi causati agli studenti da queste azioni orchestrate dalla sinistra sono superiori ai supposti benefici e rimaniamo sconcertati dal mancato intervento dei responsabili mensa che hanno scelto di non segnalare alle forze dell'ordine il tentativo di assalto ai locali, facendo in modo che questo avvenisse con successo".

Centro Storico
occupazioni
sciopero

Commenti