Orto in Scuola, aumentano i bambini coinvolti nel progetto: il Comune cerca associazioni

E' stato pubblicato il bando rivolto a realtà che operano in ambito ambientale o educativo. C'è tempo fino al 17 novembre per presentare domanda

E' stata pubblicata dal Comune di Pisa la manifestazione di interesse rivolta ad associazioni che operano in ambito ambientale o educativo interessate a partecipare al progetto 'Orto in Scuola'. La pubblicazione del bando è in realtà l’ultima fase di un percorso che dallo scorso anno l’amministrazione ha voluto ufficializzare, chiedendo prima l’adesione al progetto da parte delle scuole e poi pubblicando la manifestazione di interesse per coinvolgere le associazioni interessate. Lo scopo del progetto è avvicinare i bambini a uno stile di vita più sano, partendo dalla coltivazione di alimenti salutari, ma fondamentali per una corretta alimentazione. Inoltre, il progetto vuole far avvicinare gli alunni alla natura, attraverso lo svolgimento di attività all’aria aperta e secondo la stagionalità. 

“Affiancare una progettualità relativa alla cura degli orti nelle scuole alla promozione degli spazi verdi cittadini, come attività formativa rivolta ai bambini - dichiara il vicesindaco e assessore al Verde Pubblico Paolo Ghezzi - è una delle strategie che da anni la nostra amministrazione porta avanti, grazie sia al contributo di molti soggetti esterni che al servizio di global service del verde che collaborano, insieme alle scuole, sia alla progettazione che alla realizzazione del progetto educativo e ambientale”.

Il percorso, che coinvolge la scuole fin dal principio, è stato recepito con favore, tanto che già nel secondo anno è stato registrato un incremento di adesioni del 40% rispetto allo scorso anno. Quattro sono gli istituti comprensivi che hanno aderito al bando 2017-2018 e che parteciperanno, con 61 classi coinvolte, per un totale di 1424 bambini, a fronte dei 1000 bambini coinvolti lo scorso anno. I quattro Istituti Comprensivi sono 'Galilei' con 27 classi (scuole Capitini – De Andrè – Haring – Puccini – Galilei – Parmini – Gerschi e De Sanctis); 'N.Pisano' con la materna del Calambrone; 'Fibonacci' con 16 classi (scuole Betti – Rodari – Chiesa – Pisano); 'Tongiorgi' con 14 classi (Filzi – Ciari – Parmeggiani – Parodi).
A ogni plesso è stato assegnato una porzione di terreno da coltivare, in base al numero di classi partecipanti. In media un plesso ha a disposizione 30 mq e in totale gli orti raggiungono l’estensione di 600 mq. Per permettere una presenza assidua dei ragazzi sull’orto, gli appezzamenti coltivabili sono ricavati nei cortili dei plessi scolastici.

Il Bando rivolto alle associazioni. Il progetto ha la finalità di promuovere una corretta educazione alimentare ed ambientale, di avvicinare ed educare i piccoli consumatori a scelte consapevoli, e creare i presupposti per la diffusione della cultura del 'mangiar sano', oltre a incoraggiare il consumo di prodotti alimentari locali e favorire la conoscenza di specie floreali autoctone.

Soggetti ammessi a partecipare. Possono manifestare interesse a partecipare: gli enti pubblici, le associazioni, fondazioni e organizzazioni di utilità sociale senza scopo di lucro che abbiano come ambito di interesse le attività di tutela dell’ambiente, di educazione e formazione, di promozione e sviluppo di tematiche ambientali. Si può presentare interesse a partecipare in uno o più plessi scolastici.

Caratteristiche del progetto. Il progetto non prevede la corresponsione di alcun corrispettivo né di somme di alcun genere, neppure a titolo di rimborso spese da parte del Comune di Pisa a favore dei soggetti attuatori. Il progetto deve rispondere ai seguenti principi: la coltivazione degli orti deve seguire processi produttivi biologici; è vietata la presenza di organismi geneticamente modificati (OGM); le varietà coltivate devono prevedere ortaggi del territorio e/o specie floreali autoctone. Il progetto può essere affidato contestualmente in una stessa scuola a più soggetti attuatori in modo da favorire la massima partecipazione degli operanti di settore presenti sul territorio.

Obblighi da parte del Comune. Il Comune, avvalendosi dell’affidatario del servizio del Global Service del Verde, provvede a  preparare e fresare il terreno per la semina, fornire il materiale necessario (terra, torba, ecc) e a progettare, insieme ai soggetti attuatori, eventi tesi alla divulgazione del progetto.

Obblighi del soggetto attuatore. Il soggetto attuatore si impegna a organizzare incontri formativi da concordare con gli insegnanti, per decidere, programmare ed elaborare il percorso didattico; attuare corsi di formazione e aggiornamento sull'educazione ambientale e alimentare e sulla gestione concreta dell'orto, dalla semina alla raccolta; a fornire materiale didattico, sementi e le attrezzature necessarie per la coltivazione.

Le domande. L’adesione alla manifestazione di interesse deve essere presentata entro il termine perentorio delle ore 12 del giorno 17 novembre all’Ufficio Protocollo presso l’URP del Comune di Pisa, in  Lungarno G. Galilei. L’avviso ed il modulo allegato sono pubblicati e disponibili sul sito internet del Comune di Pisa.

Per informazioni rivolgersi al servizio Verde e Arredo Urbano, telefono 050 910515, email: s.fascetti@comune.pisa.it.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

Torna su
PisaToday è in caricamento