La scomparsa di Paolo Mancini, Filippeschi: "La sua umanità ci resterà nel cuore"

L'ex vicepresidente del Consiglio Comunale di Pisa era malato da tempo: le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi 15 giorni. Era un marinese doc, amava la sua terra ed era un grande tifoso del Pisa

Paolo Mancini

"La scomparsa di Paolo Mancini mi dà un grande commozione ed è una perdita dolorosa per la nostra città: è stato un uomo appassionato e generoso che, fino a gli ultimi giorni della sua vita, ha amato e servito Pisa. Da consigliere e presidente della Circoscizione e come consigliere comunale e vicepresidente vicario del Consiglio Comunale ha dato prova delle sue qualità umane e di rappresentante dei cittadini". Queste le parole del sindaco di Pisa Marco Filippeschi, ricordando l'ex vicepresidente del Consiglio Comunale Paolo Mancini, scomparso sabato all'età di 61 anni dopo una malattia che aveva aggravato le sue condizioni negli ultimi 15 giorni.

"Per Marina e il litorale aveva grande attenzione e sensibilità e lì era un punto di riferimento, con tanti rapporti di fiducia, costruiti anche andando oltre le appartenenze politiche - prosegue Filippeschi ricordando Mancini, marinese doc - ho avuto il privilegio di conoscerlo nei cinque anni del primo mandato e ne ho apprezzato l'impegno assiduo, instancabile anche dopo che la malattia lo aveva colpito, e le doti di equilibrio ed autorevolezza nei rapporti fra i gruppi e nella gestione della presidenza. Ho una memoria vivissima di come Paolo si mise a disposizione e operò nella vicenda della salvezza del Pisa, lui che della squadra era un grande tifoso. Da lì nacque fra noi un rapporto più stretto, di fiducia e d'amicizia, una stima personale maturata pur nelle differenti collocazioni politiche. Paolo ci lascia anche questo esempio, di rispetto e attaccamento per l'istituzione e di capacità di dialogo, d'impegno prestato con spirito sempre positivo e secondo buonsenso, senza faziosità. E' un patrimonio importante che meriterà d'essere valorizzato. E altrettanto importante sarà ricordare, con rimpianto, la sua umanità che ci resterà nel cuore. Alla sua famiglia va il cordoglio più sentito della città e il mio personale affettuoso abbraccio".

ASSOCIAZIONE CENTO. L'Associazione CENTO partecipa al cordoglio della famiglia Mancini per la scomparsa di Paolo, marinese doc, amante di Pisa, del Pisa e del suo
litorale. Ci piace ricordarlo sempre vicino alla causa nerazzurra, specialmente qualche anno fa nel momento della 'resurrezione' societaria dell'AC Pisa 1909. Riguardo alla nostra associazione, non ha mai fatto mancare la sua vicinanza alle nostre iniziative, sia in veste istituzionale, sia personalmente.

L'EX SINDACO DI PISA PAOLO FONTANELLI. "La notizia della morte di Paolo Mancini mi ha raggiunto in Grecia e rattristato profondamente. Con lui ho condiviso, da posizioni opposte, l’impegno in Consiglio Comunale. Ricordo volentieri la correttezza con cui ha svolto il ruolo di opposizione verso la mia Giunta, soprattutto sui problemi che riguardano il litorale. Voglio esprimere il mio più sentito cordoglio alla sua famiglia".
 

IL CAPOGRUPPO DEL PDL IN CONSIGLIO COMUNALE GIOVANNI GARZELLA. "Paolo lascia un vuoto personale per le sue capacità di ascolto e di mediazione, ma soprattutto un vuoto Politico perché fin da ultimo è stato interlocutore ed interprete della Sua Marina di Pisa".

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

Torna su
PisaToday è in caricamento