Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito fronte di forze politiche di ispirazione razzista, neofascista, neonazista, nazionalista. Le cause principali sono da ricercare in una politica economica e in una cultura liberista che hanno determinato una straordinaria crescita delle povertà e contemporaneamente una sempre maggiore concentrazione di ricchezza nelle mani di pochi. L'UE è perciò apparsa a milioni di cittadini non più come una forma alta di solidarietà fra popoli e stati ma come una delle cause determinanti del generale impoverimento, della crescente esclusione sociale, della riduzione dei diritti. In questo quadro si sono largamente accresciute o hanno progressivamente prevalso in molti paesi forze politiche di ispirazione nazionalista, razzista, neofascista, neonazista, o fortemente condizionate da tali aspirazioni. Comuni a tali forze è la ricerca, sempre e comunque, di un “capro espiatorio”, individuato oggi nella figura del migrante a cui si aggiunge spesso la discriminazione verso ogni vera o presunta diversità. Etnia, sesso, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali sono diventati la nuova frontiera di un razzismo strisciante, che avvelena la coesione sociale e individua nell'altro il nemico. In questa grave situazione non è più tempo di divisioni e di distinzioni: occorre l'unità contro chiunque intenda far ricadere l'Europa e l’Italia in un clima oscurantista. Davanti ai nuovi fascismi comunque camuffati, davanti ai nuovi razzismi, davanti ai venti di compressione delle libertà democratiche, anche nel nostro territorio è giunto il momento di dar vita all'inedita esperienza di unità fra vecchi e nuovi antifascisti, di unità nel vasto mondo dell'associazionismo, di unità fra istituzioni, sindacati, popoli e cittadini, per sostanziare il rispetto dei diritti umani e sociali, in sostanza di unità antifascista. Per queste ragioni nelle prossime elezioni europee e comunali invitiamo a sostenere quelle liste che si contrappongono senza ambiguità alle formazioni sovraniste, razziste e fasciste.

ANPI - SAN GIULIANO TERME

Torna su
PisaToday è in caricamento