Volterra: presentato il piano strategico per essere polo dell'identità etrusca

Il sindaco Buselli: "Iniziativa che pone le basi progettuali per pensare alla Volterra del 2050, strutturando al contempo la consapevolezza di avere radici che affondano nella notte dei secoli"

Volterra, polo dell’identità etrusca, è il tema del piano strategico che sarà presentato martedì 27 novembre a Palazzo dei Priori (ore 17,30 – Sale Espositive, 2° piano). "Ringrazio Monte Rosola, Altair Chimica, Consorzio Turistico Volterra Val di Cecina, Borgo Pignano e la Cassa di Risparmio di Volterra, che hanno creduto assieme al Comune di Volterra in questa iniziativa - dichiara il sindaco Marco Buselli - che pone le basi progettuali per pensare alla Volterra del 2050, strutturando al contempo la consapevolezza di avere radici che affondano nella notte dei secoli. Una collaborazione pubblico - privata su cui Volterra davvero fa scuola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le idee dell'architetto Massimo Casolari - ha continuato - saranno una traccia importante e strumento di lavoro utile su cui anche le prossime amministrazioni potranno confrontarsi, ma anche la possibilità, per l'amministrazione attuale, di operare già delle scelte strategiche di rilievo. Ringrazio anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, che già da tempo ha messo insieme venti Comuni, tra Val di Cornia, Alta e Bassa Val di Cecina, creando il contesto delle 'Terre Etrusche', su cui oggi, in modo coerente, riusciamo ad innestare il progetto 'Volterra Polo dell'identità Etrusca'. Il rapporto fra città e territorio non si esaurisce certo con i territori citati, ma abbraccia quantomeno la Valdelsa, la Valdera e le Colline Metallifere. Anche il protocollo con l'Alta Valdera o il lavoro che abbiamo fatto col nuovo ambito turistico 'Terre di Valdelsa e dell'Etruria Volterrana', vanno in questa direzione. I confini provinciali, troppo spesso, hanno mortificato le identità territoriali, che possono invece ritrovare matrici comuni, lavorando a rete, dal basso, sui territori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento