Nobel per la fisica 2017 agli scopritori delle onde gravitazionali: il premio parla anche pisano

Menzionato dall'Accademia delle Scienze svedese il rilevatore di Cascina

Era nell'aria, ed oggi, 3 ottobre è arrivata la proclamazione. L'Accademia delle Scienze svedese ha conferito il premio Nobel per la fisica 2017 al team di scienziati che ha inventato gli interferometri in grado di osservare le onde gravitazionali. Rainer Weiss, Barry C. Barish e Kip S. Thorne sono quindi i destinatari del premio per i "loro contribuiti decisivi legati all'osservatorio LIGO e alla rilevazione delle onde gravitazionali". Nella cerimonia l'istituzione ha citato anche il rivelatore che ha sede a Cascina presso l'Ego (European Gravitational Observatory).

Da stamattina, sia sulla facciata del palazzo comunale di Pisa che quello di Cascina, un grande striscione saluta l'assegnazione dell'ambito riconoscimento scientifico. "Una notizia d'eccezionale importanza per noi - ha commentato il sindaco Marco Filippeschi - per quanto fosse sperata e attesa. Il successo degli esperimenti sulle onde graviatazionali è un'altra tessera aggiunta al mosaico della conoscenza. La conferma delle teorie di Einstein, dopo tanti anni, dice quale sforzo è stato compiuto. Oltre che ai premiati personalmente, si deve essere riconoscenti a chi ha avuto la visione e il coraggio di impostare l'esperimento. E già per questo il contributo della ricerca pisana è stato decisivo. Poi si è dimostrata capacità attuativa e di lavoro in team internazionale per il progetto Ligo-Virgo. Ringrazio la comunità scientifica pisana impegnata a far vivere l'antenna di Cascina, in tutte le sue componenti, per il compito che ha svolto con questo storico successo. La città di Pisa collaborerà con tutte le istituzioni della ricerca e dell'alta formazione, con le scuole, per questo obiettivo strategico per il nostro paese".

"Un grandissimo risultato anche per i nostri ricercatori del progetto Ego Virgo, citato nelle motivazioni del Nobel - ha commenta Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina - uno straordinario orgoglio per tutta la comunità cascinese, che ospita sul proprio territorio l'interferometro gravitazionale Virgo. Proprio l'altro giorno mi sono trovata a incrociare le dita auspicando questa vittoria insieme al direttore di Ego-Virgo, Federico Ferrini. Sono orgogliosa ed entusiasta per lo straordinario risultato dei nostri ricercatori".

"Dopo Michelangelo, Cascina torna nella storia internazionale del mondo - ha detto Luca Nannipieri, assessore alla cultura di Cascina - un ringraziamento fraterno al direttore Federico Ferrini e al fondatore Adalberto Giazotto. Mi rivolgo agli studenti: l'esempio di Virgo dimostra che la fatica dello studio, della ricerca e della conoscenza non è inutile e può essere preziosissima non solo per le nostre singole e individuali vite ma per l'umanità intera".

Felice del successo anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi: "Un anno fa mi recai a Cascina proprio per rendere onore ai ricercatori che fanno parte di Virgo e che hanno reso possibile, con la loro collaborazione, la straordinaria scoperta dell'esistenza delle onde gravitazionali. Un progresso che dilata la nostra conoscenza dell'universo, i cui effetti nella vita di tutti i giorni sono ancora imponderabili, ma che oggi riceve il massimo riconoscimento per la fisica. Un po' di quel Nobel è anche toscano. Vorrei ricordare infine che la presenza di questa struttura a Cascina si deve anche e sopratutto al mio amico e compagno Gino Nunes, allora presidente della Provincia di Pisa, che la volle fortemente nonostante tante opposizioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il deputato pisano Federico Gelli: "Congratulazioni a ogni singola persona che ha contribuito a raggiungere il massimo risultato possibile, in particolare al 'padre' di Virgo, Adalberto Giazotto. Il compito delle nostre istituzioni e della politica dovrebbe essere quello di favorire sempre più la partecipazione italiana a successi simili, coinvolgendo soprattutto le singole eccellenze e professionalità locali, spesso sconosciute, prive di risorse o non valorizzate come meritano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ospedale Cisanello si prepara al picco: "E' previsto nel prossimo fine settimana"

  • Coronavirus: muore studente universitario di 30 anni

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, sostegno alle famiglie indigenti: buoni spesa da 100 euro

Torna su
PisaToday è in caricamento