Il presidente europeo Tajani a Pisa: "Infrastrutture, web tax e riqualificazione delle città"

Incontro in sede Confcommercio sabato per Antonio Tajani, con l'associazione che parla dei temi trattati con l'alta istituzione

Il rilancio delle città, del commercio di qualità e più in generale del sistema di piccole e medie imprese. Sono questi i temi al centro della visita che il presidente del parlamento europeo Antonio Tajani ha avuto presso la sede di Confcommercio Provincia di Pisa lo scorso sabato.

A fare gli onori di casa, una delegazione di imprenditori guidata dalla presidente Federica Grassini, in rappresentanza delle oltre 5.300 imprese iscritte all'associazione. "Abbiamo consegnato al presidente Tajani, accompagnato dal vicesindacoRaffaella Bonsangue, un documento di sintesi sugli aspetti che più premono alle imprese pisane del commercio, del turismo e dei servizi. A partire dalle infrastrutture, così fondamentali per Pisa, al centro di una vasta area metropolitana dal potenziale straordinario" sottolinea Grassini, che poi ha aggiunto: "Per noi diventa determinante il collegamento veloce con Firenze e l'inserimento di Pisa sulla linea dell'alta velocità ferroviaria, così come la richiesta di individuare linee di finanziamento europee adeguate a realizzare finalmente una metropolitana di superficie che colleghi il centro con il litorale pisano".

Ha proseguito poi la numero uno di Confcommercio: "Tra le sfide poste dall'economia digitale, abbiamo evidenziato a Tajani la necessità che a livello europeo sia adottata una web tax comune per tutti gli stati europei, decisione che consideriamo fondamentale in vista del perseguimento di una equità e una armonizzazione fiscale tra tipologie di imprese". Poi servirà "sostenere anche a livello europeo il rilancio e la rigenerazione delle città, tanto più se storicamente caratterizzate. In questi anni i centri storici hanno visto drasticamente compromessa l'identità e ridotto drasticamente il proprio ruolo attrattivo, accessibile ed accogliente, con la conseguenza della chiusura di molte attività storiche. Interventi in tema di sicurezza, decoro, abusivismo, contraffazione e tassazione sono prioritarie rispetto ad ogni progetto di rilancio e riqualificazione".

Potrebbe interessarti

  • Estate in spiaggia ma occhio agli altri: ecco il bon ton del Codacons

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Due lievi scosse di terremoto a Castelnuovo Val di Cecina

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

Torna su
PisaToday è in caricamento