Geotermia: due progetti in Valdera per produrre energia elettrica

I progetti sono stati presentati alla Regione da una società bresciana. C'è tempo un mese e mezzo per produrre osservazioni. Il gruppo 'Salviamo la Toscana': "I cittadini devono sapere"

(foto d'archivio)

Due progetti di geotermia nel cuore della Valdera. Con quattro Comuni coinvolti: Casciana Terme Lari, Capannoli, Terricciola e Chianni. Sono quelli presentati dalla società bresciana Cogeme spa e pubblicati dalla Regione Toscana tra i 'Progetti sottoposti a procedura di verifica di assoggettabilità'.

Il primo, denominato 'Soiana', riguarda i Comuni di Capannoli, Casciana Terme Lari e Terricciola, per una superficie richiesta di 12,6 Kmq, un progetto, così come l'altro, pubblicato nel Burt il 26 ottobre 2016 n.43. Il secondo progetto, denominato 'La Fornace', interessa un'area di 15 kmq e si estende nei Comuni di Casciana Terme Lari, Chianni e Terricciola. 

I due piani, che si pongono come obiettivo quello di trovare potenziali serbatoi geotermici da sfruttare per la produzione di energia elettrica, hanno però innescato la preoccupazione del gruppo 'Salviamo la Toscana dalla geotermia per la salute dei cittadini'. Il comitato si sta già occupando delle problematiche legate alle centrali geotermiche sia sull’Amiata (e in altre zone della Toscana) che nel Lazio. Per quanto riguarda l'Amiata il gruppo vuole monitorare l'emissione nell'aria di mercurio e acido solfidrico con le loro conseguenze sull'ambiente e sulla salute dei cittadini.
Ora l'attenzione del gruppo si sposta dunque in Valdera per portare a conoscenza gli abitanti dei territori interessanti l'intento della Cogeme spa.

"Il termine per presentare le osservazioni ai due progetti di geotermia è quello di 45 giorni a partire dal 27 ottobre 2016 - afferma il coordinatore del gruppo Carlo Leoni - purtroppo la disinformazione dei cittadini impedisce agli stessi di conoscere gli strumenti a loro disposizione per poter eventualmente contestare i progetti, presentando osservazioni da far pervenire alla Regione e agli enti preposti per sottolineare aspetti di insostenibilità del progetto e le sue possibili ricadute su ambiente, paesaggio, falde acquifere e salute pubblica".

"Per poter intraprendere azioni meglio organizzate e coordinate - sottolinea Leoni - invitiamo i cittadini dei paesi interessati, comitati, associazioni, aziende agricole e agroalimentari, attività commerciali, agriturismi, aziende di allevamenti bestiame, B&B, a contattarci. Siamo a disposizione gratuitamente per collaborare per la difesa del territorio".
L'indirizzo mail da utilizzare per contattare il gruppo 'Salviamo la Toscana dalla geotermia per la salute dei cittadini' è carloleoni16@gmail.com
 

LE AREE INTERESSATE DAI PROGETTI DI RICERCA DI FLUIDI GEOTERMICI

Progetto geotermico Soiana-2progetto geotermico la fornace-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polizia di Stato in azione: oltre mille persone controllate nel pisano

  • Occupazioni in varie scuole di Pisa e provincia

  • Guardia di Finanza, nuovo bando da 66 posti: chi può partecipare

  • Bancomat fatto esplodere: furto da 36mila euro a Casciana Terme

  • Lavori sulla rete idrica a Cascina: mancherà l'acqua

  • Ricercato dal 2017, tenta la fuga in sella ad uno scooter rubato: arrestato

Torna su
PisaToday è in caricamento