I bancarellai tornano sotto la Torre: "Dal Comune nessuna soluzione"

Domani, mercoledì 12 aprile, occuperanno le loro storiche postazioni in piazza dei Miracoli. "Dalla nostra parte la sentenza del Tar"

Torneranno nuovamente in piazza dei Miracoli riprendendosi, per alcune ore, le loro postazioni 'originali'. E' prevista per domani, mercoledì 12 aprile, a partire dalle ore 9, la nuova protesta dei bancarellai di piazza Manin. La data dell'iniziativa è stata comunicata uffficialmente ieri, lunedì 10 aprile, al prefetto Attilio Visconti, con una lettera inviata dal coordinatore Anva Confesercenti Giulio Garzella.

"Il completo smontaggio del cantiere  - si legge nella lettera - peraltro fin oggi mantenuto in 'piedi' ingiustificatamente e strumentalmente, dimostra il definitivo termine dei lavori, fin oggi trascinati per oltre tre anni. Tre anni durante i quali, l'Amministrazione, non è stata in grado di individuare unitariamente una soluzione condivisa. E se i lavori sono terminati non riteniamo più giustificabile negargli ancora l'espletamento del loro diritto a rientrare nella sede prevista dal Piano del commercio su aree pubbliche di cui si è dotato il Comune".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla parte dei bancarellai c'è infatti la sentenza del Tar Regionale. "Lo stesso - si legge ancora - con una sentenza del 2015 afferma quello che già ci era chiaro dai provvedimenti dirigenziali impugnati: la temporaneità del trasferimento per consentire i lavori di 'risanamento' delle strutture museali e ospedaliere". Da qui la protesta che, ancora una volta, vuole mettere nel mirino soprattutto l'Amministrazione comunale. "A noi - si legge ancora nella lettera - sinceramente pare più che legittimo assumere queste decisioni tese, oltre che ad evidenziare lo stato d'animo di questi operatori, a sollecitare l'Amministrazione comunale affinchè voglia, una volta per tutte, lavorare davvero seriamente con loro e con noi per l'individuazione della soluzione condivisa di questo annoso problema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

  • Toscana Aeroporti: Gina Giani rassegna le sue dimissioni

Torna su
PisaToday è in caricamento