Irruzione al concerto di Capossela: "Atto di disobbedienza contro la chiusura dei luoghi pubblici"

Il collettivo studentesco Exploit Pisa sui fatti avvenuti lunedì sera: "Nell'ultimo anno troppe iniziative volte a limitare l’accesso libero e gratuito alle piazze e alle vie principali della città"

"L'ingresso in corteo in Piazza dei Cavalieri è stato un atto di disobbedienza nei confronti delle politiche di chiusura e di privatizzazione dei luoghi pubblici della città". E' quanto afferma il collettivo studentesco Exploit Pisa in merito ai fatti avvenuti lunedì sera con l'irruzione di un centinaio di studenti al concerto di Vinicio Capossela.

"Durante l’ultimo anno - scrive in una nota il collettivo - questa Giunta comunale, proseguendo sul solco della precedente amministrazione, ha messo in campo molteplici iniziative volte a limitare l’accesso libero e gratuito alle piazze e alle vie principali della città. Alla massiccia presenza di forze dell'ordine, all'impiego di idropulitrici e alla sequela di ordinanze volte a vietare qualunque fruizione del suolo pubblico, si sono aggiunti i costosi concerti del festival 'Numeri Primi'. Con queste ultime iniziative, l'intenzione di chiudere dei luoghi pubblici e limitare gli spazi di libertà si realizza attraverso la privatizzazione e il profitto. Ma per noi le piazze, in quanto pubbliche e mantenute con i soldi delle tasse di tutti, devono costituire un luogo di ritrovo e di cultura senza che ci siano barriere economiche, alte o basse che siano".

Nel mirino l'assessore alla Cultura. "Con la nostra azione - prosegue il collettivo - abbiamo voluto mettere a nudo le politiche culturali 'a due velocità' dell'assessorato diretto da Andrea Buscemi: da un lato la censura della vivacità della cultura spontanea e aggregativa che innerva il tessuto cittadino, attraverso le identificazioni e i sequestri che colpiscono gli artisti di strada; dall'altra, la promozione di grandi eventi musicali chiusi, i cui costi di accesso vengono giustificati con la scusa delle spese di finanziamento. Crediamo che non esista una cultura di serie A e una di serie B, e che chi vi lavora debba essere giustamente retribuito: siamo precari e conosciamo bene il problema della bassa retribuzione di chi monta le strutture e lavora per questi eventi, ma questo non può essere scaricato dalle istituzioni pubbliche sugli abitanti, attraverso un biglietto che esclude chi vive la piazza". 

"Infine - conclude Exploit Pisa - siamo estranei a qualunque accusa di aver voluto rovinare il concerto e spaventare chi era lì ad assistere. Il corteo si è ritrovato sotto il palco, ricevendo l'invito di Capossela e del suo gruppo a spiegare le nostre motivazioni, che loro stessi hanno mostrato di sostenere. Lo ribadiamo: il nostro è stato il tentativo di aprire un dibattito in città e di comunicare con le generazioni differenti dalle nostre, spiegando che piazze come Cavalieri fanno parte del nostro vivere quotidiano, e che è necessario che la cittadinanza possa disporre di luoghi gratuiti in cui trascorrere il proprio tempo libero".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento