Ragazza violentata a Porta a Mare: 30enne in manette

Il giovane è stato rintracciato dalla Squadra Mobile della Polizia poco distante dal luogo in cui si è consumato l'abuso sessuale

E' stato rintracciato e fermato l'autore della violenza sessuale ai danni di una 19enne. Si tratta di un tunisino di 30 anni, privo di precedenti, di fatto senza fissa dimora e da poco tempo gravitante sul territorio pisano.
Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato, diretta dal dottor Fabrizio Valerio Nocita, erano iniziate subito dopo aver raccolto la denuncia della ragazza che aveva conosciuto il 30enne intorno alle 2 della notte tra martedì 6 e mercoledì 7 agosto mentre si trovava insieme ad un gruppo di amici sui lungarni. Alcune ore trascorse insieme nelle piazze del centro poi la necessità di acquistare qualcosa da bere. Il ragazzo si offre di accompagnarla. I due si sono così defilati dagli amici. Lo straniero porta la ragazza, livornese e dunque poco pratica della città di Pisa, nell'area di Porta a Mare e qui si consuma la violenza.

Il violentatore si è poi allontanato. E' seguita la chiamata alla Polizia, gli accertamenti in ospedale e la raccolta delle testimonianze degli amici da parte degli agenti per cercare di risalire all'autore del terribile gesto. Identikit alla mano il ragazzo è stato rintracciato dalla Squadra Mobile nell'area ex Galazzo sempre a Porta a Mare. Ha cercato di evitare il controllo ma è stato poi fermato dagli agenti.
Ritenuto responsabile dell'abuso, è stato sottoposto a fermo di Polizia giudiziaria e condotto al carcere Don Bosco di Pisa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Sciopero benzinai per due giorni, tutto confermato: orari e motivi della protesta

  • Lungarno Mediceo, pub pericoloso per l'ordine pubblico: chiuso (ancora) per 20 giorni

  • Via Caruso: incendio nella facoltà d'Ingegneria

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

Torna su
PisaToday è in caricamento