Cascina, rapinata l'Unicredit: banditi passati da un buco nel muro

Assaltata la banca in centro sulla via Tosco-Romagnola alle 13 di venerdì. Bottino da 30mila euro

Colpo pianificato e perfettamente riuscito per tre banditi ieri, 1 febbraio, all'Unicredit di Cascina sulla via Tosco-Romagnola, in centro. I malviventi hanno colpito poco prima della chiusura, intorno alle ore 13, facendosi consegnare i soldi in cassa dai dipendenti presenti. Il bottino è di alcune decine di migliaia di euro. 

Sul caso indagano i Carabinieri. Dalla prima ricostruzione dei fatti due rapinatori, con il terzo che faceva da palo, sono entrati da un buco nel muro che dava l'accesso al bagno della filiale. L'apertura è stata creata da almeno la notte prima, da un edificio abbandonato adiacente alla banca. I malviventi hanno quindi fatto irruzione nel momento in cui si riducono i clienti ed il personale si avvia a chiudere gli sportelli.

Una volta dentro, i due, a volto coperto, hanno minacciato con spinte e atteggiamento aggressivo i lavoratori, prendendo quanto più contante potevano. Poi sono usciti e sono fuggiti con l'auto guidata dal terzo complice.

Il giorno prima, giovedì 31 gennaio, tre rapinatori hanno assaltato la Mps di Vecchiano. Al momento c'è solo il sospetto che possa trattarsi della stessa banda di professionisti. 

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

Torna su
PisaToday è in caricamento