Volterra: con la scusa di chiedere un po' d'acqua, rapinano un casolare

Sostanzioso il bottino: 1000 euro, 4 cellulari ed una jeep. I malviventi hanno minacciato le due donne all'interno dell'abitazione utilizzando alcuni fucili da caccia dei padroni di casa

Pistola puntata

La scusa è quella delle più classiche: suonare alla porta per chiedere dell'acqua poi l'inizio dell'incubo per due donne, madre e figlia di 83 e 57 anni, che sono state prese d'assalto e poi rapinate da quattro malviventi con accento straniero. 

I rapinatori si sono fatti aprire la porta, poi dopo alcuni attimi sono entrati in casa con la forza, hanno preso alcuni fucili da caccia che si trovavano nell'abitazione e hanno iniziato a minacciare le due donne. Questi i momenti di panico vissuti l'altra sera, poco dopo le 21,  in un casolare isolato a Spicchiaiola di Volterra. 

I malviventi si fanno consegnare 1000 euro e i cellulari, poi scappano e durante la fuga incontrano su una jeep i mariti delle donne che stavano rientrando a casa: li hanno fatti scendere, puntando contro di loro la canna del fucile e si sono fatti consegnare cellulari. Poi sono saliti a bordo del mezzo e si sono dileguati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento