Reperibilità pediatrica a Volterra: la Società Italiana di Pediatria risponde al sindaco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La Società Italiana di Pediatria risponde al sindaco Buselli, che l'aveva interpellata riguardo alla scelta unilaterale dell'Asl 5 di sopprimere la reperibilità pediatrica, nonostante il parere contrario dei sindaci del territorio. "Ho letto con grande attenzione e altrettanta preoccupazione la sua lettera" commenta il Presidente, aggiungendo che "i principi cui si fa riferimento e la necessità che la pediatria mantenga il proprio carattere universalistico e che quindi tutti i bambini abbiano diritto all'assistenza pediatrica, sono alla base della stessa ragion d'essere della Società". In un passaggio fondamentale si ribadisce che qualsiasi ipotesi di soppressione delle degenze deve essere preceduta da azioni che consentano "la necessità di garantire un'assistenza di base 24 ore su 24 e 7 giorni su 7". La Società Italiana di Pediatria sta infine elaborando proposte concrete di
ristrutturazione della Rete Pediatrica Territoriale e Ospedaliera, che presenterà al Ministro della Salute il prossimo 15 Marzo. Dopodichè le stesse saranno "subito" girate anche all'Amministrazione di Volterra, come recita il documento. Per tramite della propria Sezione Toscana, la Società Italiana di Pediatria garantisce al sindaco che "terrà sotto stretta osservazione i problemi rappresentati, e non mancherà di far sentire la propria voce, ovviamente sulla base di un'analisi approfondita della situazione". "Ringrazio - commenta il sindaco Buselli - la Società Italiana di Pediatria per la propria disponibilità ad analizzare la situazione specifica. E' autorevolmente confermata,
come era immaginabile, la necessità di garantire la copertura dell'assistenza pediatrica sulle 24 ore. Invito ora damone a trarre debite conclusioni".

 

Torna su
PisaToday è in caricamento