Lutto nel mondo della sanità: muore infermiere dell'Aoup

Riccardo Lazzerini è morto giovedì in ospedale dove era ricoverato da circa una settimana: aveva 59 anni. Il ricordo: "Di poche parole e di una disponibilità infinita"

Riccardo Lazzerini, foto da Facebook

Lutto nel mondo della sanità pisana. È morto in ospedale, dove era ricoverato da una settimana per problemi di salute, l'infermiere Riccardo Lazzerini, di 59 anni, originario di Livorno e residente a Cascina. Il decesso è avvenuto giovedì 23 maggio. A ricordarlo con un post su Facebook, Daniele Carbocci, segretario provinciale del Nursind, il sindacato degli infermieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ancora una volta dobbiamo piangere un collega che se n’è andato. Ci ha lasciato Riccardo Lazzerini. Un collega, un amico, un collaboratore fin dalla nascita di Nursind Pisa. Chi lo ha conosciuto, credo non si possa dimenticare della sua mitezza a fronte di quella mole imponente. E di quel suo essere di poche, pochissime parole ma anche di essere di una disponibilità infinita. Lascia in tutti noi una grande tristezza e un grande vuoto. Chissà che adesso tu non trovi un pò di pace. Buon viaggio Riccardo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento