Morte Emanuele Scieri: riesumata la salma del parà siracusano

Il corpo di Scieri venne trovato ai piedi di una torre di asciugatura nella caserma Gamerra di Pisa nell'agosto del 1999. Due anni fa la riapertura dell'inchiesta

E' stata riesumata oggi nel cimitero di Noto (Siracusa), alla presenza dei familiari, la salma di Emanuele Scieri, il paracadutista siracusano di 26 anni, trovato cadavere nella caserma Gamerra di Pisa il 16 agosto del 1999. Le spoglie di Scieri verranno inviate all'istituto di medicina legale di Milano dove verrà effettuato un nuovo esame autoptico. A disporre la riesumazione della salma e la nuova autopsia è stata la Procura di Pisa, nell'ambito della nuova inchiesta condotta dal procuratore capo Alessandro Crini e dal sostituto Sisto Restuccia. Il passaggio dell'autopsia è considerato dai magistrati uno snodo fondamentale nell'inchiesta. 
Per la morte di Scieri sono accusati di omicidio volontario in concorso tre commilitoni della vittima: Alessandro Panella, 40 anni, di Cerveteri, Andrea Antico, 40 anni, residente in provincia di Rimini, e Luigi Zabara, 41 anni, di Frosinone.

La svolta nelle indagini sulla morte del parà risale all'estate del 2018, dopo che il caso era stato archiviato come suicidio: la Procura di Pisa arresta Alessandro Panella, caporale e capocamerata a cui era stato assegnato Scieri. Vengono iscritti nel registro degli indagati anche Andrea Antico e Luigi Zabara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova pista da seguire sarebbe quella del nonnismo: secondo la commissione di inchiesta parlamentare, istituita nel 2016 e conclusa a dicembre 2017, nella caserma "avvenivano gravi atti di violenza, non riconducibili a semplice goliardia". Secondo l'accusa, la sera del 13 agosto del 1999 i tre indagati dopo aver fatto spogliare e dopo aver picchiato Scieri, lo avrebbero obbligato a salire sulla torre di asciugatura e poi avrebbero fatto pressione con gli scarponi sulle nocche delle dita. Di qui la caduta a terra della recluta e la fuga dei caporali. Secondo i periti della famiglia Scieri, il giovane morì dopo qualche ora di agonia. L'autopsia potrà servire a stabilire se il decesso di Emanuele sia stato immediato oppure se i mancati soccorsi siano stati fondamentali nella morte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

Torna su
PisaToday è in caricamento