Torna 'Il ripiglio' post movida: relax e alcoltest per un rientro a casa sicuro

Il locale è allestito in 'Spaziobono19' e ospita i giovani dopo le serate in centro. Viene fornita consulenza e supporto per prevenire comportamenti pericolosi

Riapre domani sera, venerdì 5 aprile, 'Il ripiglio', la chill out di Spaziobono19, il centro aggregativo giovanile allestito dalla Società della Salute della Zona Pisa nel cuore della cosiddetta movida, ossia in piazza Sant’Omobono 19. Uno spazio gratuito e accogliente con divani e poltrone, luci soffuse e giochi da tavolo, bevande analcoliche calde o fredde (the, caffè, bibite e acqua), cibarie offerte gratuitamente a disposizione di coloro che frequentano il centro storico nelle ore notturne e aperto il venerdì ed il sabato sera dalle 23.30 alle 4.00.
Per chi ne ha  la necessità la chill out  è anche uno spazio di riposo e di decompressione da stati alterati rischiosi, al fine di ristabilire le condizioni psico-fisiche necessarie alla guida e al rientro a casa in sicurezza, verificando il proprio tasso alcolemico. Al riguardo, alcuni gruppi di giovani hanno iniziato a  frequentare lo spazio regolarmente,  arrivano verso le 2,00 per fare l’alcool test  e stabilire chi è tra di loro è idoneo alla guida.

Gli operatori della chill out garantiscono supporto psicologico e relazionale stimolando nei frequentatori una riflessione sui loro consumi di sostanze legali e illegali, fornendo informazioni e consigli utili sulla limitazione dei rischi connessi e sulla prevenzione dei comportamenti a rischio.

All’interno dello spazio sono presenti materiali informativi e di prevenzione riguardo a malattie sessualmente trasmissibili, contraccezione maschile e femminile, preservativi; brochure di prevenzione e limitazione dei rischi legati al consumo di sostanze psicoattive legali e illegali, normative di legge in materia, musica e danno all’udito (distribuendo gratuitamente tappi per le orecchie) e indicatori e rischi del gioco d’azzardo patologico.

Ogni due venerdì l’apertura pomeridiana è unita a quella notturna, momento nel quale viene inaugurata una mostra con eventi artistici collegati (performance, concerti in acustico, proiezioni e installazioni video interattive e altro): è uno spazio messo a disposizione dei giovani della città che possono contattare le operatrici (tel.392.9589717 lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 19.00) per proporsi.

Nelle 42 serate di apertura del 2018, sono passati da 'SpazioBono19' 2.370 persone e sono stati effettuati 396 alcoltest. La serata più partecipata ha visto 121 passaggi ed una media di 60 persone a serata. I maggiori fruitori rimangono collocati nella fascia d’età compresa fra i 20 e i 30 anni. Aumentano gli 'over 30' e diminuiscono i giovanissimi (fra i 15 e i 20 anni).

“Sono attività importanti, ma di bassa soglia, di prevenzione secondaria addirittura terziaria al fine di evitare ulteriori danni legati all’abuso di sostanze e/o alcool  - spiega la presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini - è ovvio che una amministrazione debba prendersi cura delle fasce di popolazione a rischio di abusi con metodologie più dirette e mirate a una vera prevenzione a partire dalla educazione e della informazione riguardo ai danni creati dagli abusi, che devono passare attraverso le famiglie, la scuola e attraverso tutti i possibili mezzi di informazione. Accanto alla prevenzione una amministrazione non può esimersi dal fornire regolamenti di comportamento per i cittadini e per gli esercenti e controllarne il rispetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piena dell'Arno e maltempo: la diretta della giornata

  • Passano la piena e la paura: Arno in calo LA DIRETTA

  • Arno a Pisa, il sindaco: "Piena contenuta dalle spallette"

  • Piena dell'Arno a Pisa: negozi chiusi dalle 18.30, lunedì scuole chiuse

  • Piena dell'Arno: attivata la procedura di sicurezza, lungarni chiusi

  • Muore a 29 anni farmacista pisana affetta da Sla

Torna su
PisaToday è in caricamento