Via Gioberti: 8 milioni di euro per la nascita di un centro polivalente

La notizia è stata annunciata dalla provincia di Pisa. Nella struttura avranno sede servizi socio-culturali e turistici. Trasferimento anche per il Centro Nord-Sud e per la biblioteca provinciale

Un nuovo spazio culturale per la città di Pisa, una nuova "Piazza del Sapere", rivolta in prevalenza ad un pubblico giovane. E' con questo proposito che sarà avviata dalla Provincia di Pisa la ristrutturazione del fabbricato di via Gioberti, già sede dell'istituto tecnico commerciale Einaudi. L'importo complessivo dell'investimento è di 8 milioni di euro, finanziato con fondi della Provincia stessa, fondi comunitari (Piuss Pisa) e fondi regionali (bando commercio e turismo). Il relativo appalto è attualmente in pubblicazione. La scadenza per la presentazione delle offerte è stabilita per il prossimo 27 giugno.

"Si prevede che i lavori possano avere inizio già dal prossimo settembre e concludersi in modo da consentire l'inaugurazione del centro nella primavera del 2014" annunciano il presidente della Provincia Andrea Pieroni e l'assessore al patrimonio Nicola Landucci, insieme all'assessore alla cultura Silvia Pagnin.

"Con questo intervento - aggiungono il presidente Pieroni e l'assessore Landucci - si vuole giungere alla realizzazione di un centro polivalente: una realtà unica, di aggregazione di numerosi servizi riferibili alla stessa area, ma attualmente svolti in sedi differenti, che hanno il fine di ampliare l'offerta cittadina e provinciale dei servizi socio-culturali, oltre che dell'accoglienza turistica. Un polo destinato ad avere funzioni interculturali e di confronto, con particolare riferimento alle problematiche dell'immigrazione, della cooperazione allo sviluppo e dei diritti di cittadinanza".

All'interno del nuovo edificio è prevista infatti, tra l'altro, la collocazione di alcuni servizi ora ubicati presso il complesso scolastico Marchesi, a cominciare dalla biblioteca provinciale, del Centro Nord-Sud e di un ulteriore info-point turistico che si rivolga in modo particolare al mondo giovanile.
Quella delle "Officine Porta Garibaldi" (questa la denominazione data dal progettista, l'architetto Salvatore Re) è peraltro un'operazione che si integra organicamente con la riqualificazione delle antiche mura medioevali, che corrono proprio alle spalle dell'edificio di via Gioberti.

I temi su cui si fonda il progetto (l'edificio è degli anni Sessanta, circondato da un giardino di pertinenza, in parte utilizzato come parcheggio) sono quelli della trasparenza e della sostenibilità sia ambientale che sociale. L'intero nuovo edificio si caratterizzerà infatti per le trasparenze delle pareti vetrate; mentre la realizzazione di due soli piani fuori terra nasce dal rispetto proprio del grande valore delle mura urbane.

Dalla nuova piazza su via Gioberti, di ingresso al centro, sarà possibile rivedere e valorizzare le antiche mura, ed accedere alla "piazza coperta", interna al centro, collegata direttamente con il retrostante antico giardino portato a nuova vita. Sul percorso si incontreranno: la reception e l'area destinata a punto di informazione turistica, sale lettura e polifunzionali, un caffè ristoro. Al primo piano invece ci sarà un auditorium e gli uffici delle diverse associazioni.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

Torna su
PisaToday è in caricamento