Devono partire per Tenerife ma il volo viene cancellato due volte: "Siamo stanchi, rinunciamo al viaggio"

Disavventura per una coppia toscana che, insieme ad altre 150 persone, doveva recarsi in vacanza alle Canarie con un charter e si è ritrovata in attesa in un albergo in Brianza

Il display che indicava il ritardo nella giornata di lunedì

Un lento calvario che si è protratto per oltre 24 ore, fino alla decisione di rinunciare.
Tutto pronto per la partenza, l'arrivo all'aeroporto di Bergamo Orio al Serio: destinazione Tenerife. Poi quel ritardo sul display che aumenta a dismisura, fino alla cancellazione del volo. E' la disavventura capitata ad una coppia toscana, pisano lui, pistoiese lei, che già sognavano di prendere il sole in spiaggia e che invece si sono ritrovati ad aspettare notizie in un albergo di Cavenago, nella Brianza. "Dovevamo partire lunedì pomeriggio (20 agosto, ndr) alle ore 17.55, ma il volo era in ritardo - ci racconta Roberto dall'hotel dove si trova in attesa con la compagna - poi all'una di notte ci hanno comunicato che il volo era stato cancellato e che sarebbe partito il giorno successivo, così ci hanno accompagnato in albergo". Il volo in questione è un charter della compagnia rumena Cobrex. Centocinquantasei le persone che dovevano salire a bordo e che invece sono state smistate per trascorrere la notte in tre alberghi della zona.

Anche l'indomani però le notizie sono frammentarie e nulla sembra smuoversi, impossibile parlare con il tour operator che aveva venduto il pacchetto. Poi nel primo pomeriggio si accende la speranza. "Intorno alle 15 di martedì ci hanno detto, con tanto di comunicato del tour operator, che saremmo partiti la sera tra le 22.45 e le 23.45. L'aereo pare avesse avuto una lampada di sicurezza non funzionante, o almeno così ci hanno detto anche se mi sembra un po' strano, poi una volta cambiata è subentrato il problema del personale che aveva terminato il turno" spiega Roberto che, insieme agli altri passeggeri, ha tirato un sospiro di sollievo. Solo momentaneo però. "Intorno alle 17 ci ha poi contattato l'agenzia di Pistoia attraverso la quale avevamo prenotato e ci ha comunicato un nuovo spostamento del volo che però non è ancora certo se e quando partirà". Così, dopo essere stati 'ostaggio' in hotel, arriva la sofferta decisione, dettata anche dallo sfinimento dell'attesa e dall'amarezza per una vacanza rovinata. "Noi abbiamo deciso di rinunciare al viaggio, vedremo se tornare a casa o se cercare un altro luogo dove trascorrere le ferie - afferma sconsolato Roberto - anche altri hanno rinunciato. Abbiamo intenzione di chiedere i danni. Ci hanno detto comunque, ma non c'è niente di scritto, che ci rimborseranno il viaggio". Speriamo, altrimenti oltre al danno ci sarebbe anche la beffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento