Roberta Ragusa: il mistero dei due cellulari scomparsi nel nulla

Gli inquirenti indagano sulle due utenze telefoniche utilizzate dai due amanti per parlare tra di loro: Logli e la segretaria si sono disfatti dei due apparecchi che potrebbero nascondere oscure verità

Si indaga sui due cellulari scomparsi. Potrebbe celarsi proprio nella memoria dei due apparecchi la chiave della vicenda di Roberta Ragusa, la donna svanita nel nulla due mesi fa, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio, dalla sua casa di Via Ulisse Dini a San Giuliano Terme. I due telefoni in questione sono quelli del marito Antonio Logli e di Sara Calzolaio, la 28enne segretaria dell'autoscuola "Futura" e prima ancora baby-sitter dei due figli della coppia, che sarebbe l'amante dell'uomo indagato per omicidio. I due avrebbero utilizzato le utenze per parlare tra di loro senza destare sospetti, anche se la stessa Roberta Ragusa aveva sorpreso più volte il compagno parlare in soffitta al telefono.

"Non posso dire nulla su questi telefonini - ammette Roberto Cavani, avvocato di Antonio Logli  - se non che si tratta di un aspetto attualmente oggetto di indagine". Dunque i due telefoni scomparsi sono sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti, impegnati da mesi in una vicenda che ha visto entrare anche la giovane amante. "Anche su questa ragazza non posso dire nulla - precisa Cavani - se non che l'ho sentita come teste nel corso delle indagini difensive, che il codice consente di fare anche alla difesa degli indagati". (fonte Ansa)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Centro storico: le barriere antiterrorismo diventano opere d’arte

  • Cronaca

    Lite alla stazione: 22enne accoltellato

  • Cronaca

    Aeroporto, denuncia Usb: "Eliminato il parcheggio per dipendenti e Vigili del Fuoco"

  • Cronaca

    Impresa in azione: la finale regionale agli studenti dell’Istituto Ferraris – Brunelleschi di Empoli

I più letti della settimana

  • San Piero a Grado, si dimentica la figlia in auto: muore bambina di un anno

  • Riglione: folla e commozione per l'addio alla piccola Giorgia

  • Bimba morta in auto, aperta un'indagine. Il sindaco: "La città è in lutto"

  • Canapisa 2018: in migliaia in città contro il proibizionismo

  • Bimba morta dimenticata in auto, Codacons: "Da anni chiediamo l'obbligo di allarmi su auto"

  • Bimba morta in auto: è il giorno dell'ultimo saluto a Giorgia

Torna su
PisaToday è in caricamento