Peccioli, ruba in un agriturismo: arrestato 29enne

Vittime del furto due stranieri che alloggiavano nella struttura ricettiva. L'uomo è stato notato dai Carabinieri che lo hanno arrestato dopo averlo inseguito nei boschi

Per riuscire a fermarlo hanno dovuto inseguirlo per diverse centinaia di metri all'interno di un'area boschiva. Nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 10 agosto, i Carabinieri di Peccioli hanno arrestato un 29enne italiano per furto in abitazione. I militari, durante un servizio mirato a prevenire e reprimere i furti ai danni delle strutture ricettive, hanno visto l’uomo mentre si allontanava da un agriturismo di Ghizzano, dopo aver derubato due turisti stranieri.

Il 29enne è riuscito ad allontanarsi per diverse centinaie di metri, attraverso la boscaglia. Poi i Carabinieri di Peccioli, supportati dai quelli di Santa Croce e di San Miniato, sono riusciti a fermarlo e a portarlo in caserma per le formalità di rito, al termine delle quali è stato ristretto in camera di scurezza, per la convalida degli atti da parte dell’Autorità Giudiziaria.

I Carabinieri hanno anche sequestrato l’automobile, un paio di guanti e un paio di pinze, lasciati a breve distanza dall’agriturismo,  dall’arrestato e da un complice tutt'ora da identificare.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Ogni tanto qualche italiano... Meno male perché per i ns ladri nostrani son tempi duri... É crisi anche per loro

    • ahahah! Però sul "ogni tanto" ho dei dubbi perché se noti, quando si tratta di stranieri i giornalisti lo marcano fortemente indicando cittadinanza. Molto raramente evidenziano l'italianità quando a commettere il reato trattasi di uno dei nostri

      • 90% sono stranieri vedi le statistiche del la questura. Tutti gli altri discorsi sono noia

        • 90% sono stranieri vedi le statistiche del la questura. Tutti gli altri discorsi sono noia

          Prima di sparare, informarsi. E' troppo comodo scrivere a caxxo di cane: L'oggettività dei numeri Certamente è difficile risalire alle cause che spingono una persona a commettere un crimine ed è quindi difficile, se non impossibile, arrivare a stabilire una regola generale che vada bene per tutti ma i numeri sono oggettivi se lasciati privi di commento. Anche se la criminalità in Italia è in calo tra i detenuti contiamo oltre 9 mila condannati per omicidio volontario, di cui 7000 sono italiani e 2000 stranieri, mentre se consideriamo il reato di lesioni corporali abbiamo 10 mila carcerati circa, tra 6300 italiani e 3800 immigrati. Ovviamente sul sito dell'Istat possiamo accedere anche a numeri di reati minori, ma un dato importante riguarda il reato di delitti di violenza sessuale che coinvolge 2500 italiani e 1400 stranieri, per un totale di 4 mila detenuti, altro reato non troppo distante è quello di violenza privata e minaccia che coinvolge 6 mila carcerati circa, 5000 italiani e 1800 stranieri. Per quanto riguarda i reati di furto, rapina ed estorsione troviamo 27000 cittadini italiani e 10 mila stranieri, per un totale altissimo di 37 mila persone. .....

        • Statistiche commissionate e elaborate da lei? Non confondiamo eventi proporzionali da dati statistici. Sono due concetti distinti. Comunque!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Crollo Genova: ad Alberto e Marta l'addio nella chiesa dove volevano sposarsi

  • Cronaca

    Santa Maria a Monte, spaccia droga nel bosco: arrestato

  • Incidenti stradali

    Auto si ribalta in superstrada: a bordo anche un bambino

  • Cronaca

    Volterra: al via il secondo intervento di distacco per i graffiti di Nof4

I più letti della settimana

  • Crollo del ponte Morandi a Genova: anche un medico dell'ospedale Cisanello tra le vittime

  • 'Sei di Pisa se...': 10 elementi distintivi del pisano DOC

  • Marina di Pisa: pesca 'da record' al Fortuna Beach

  • Salta la Festa dell'Unità di Riglione, tra norme rigide e militanti del Pd stanchi

  • Terricciola, ritrovato in casa il cadavere di un 67enne

  • San Giuliano Terme: ritrovato vivo il 69enne scomparso

Torna su
PisaToday è in caricamento