Via ai saldi, ma resta la crisi: "Vendite ridotte del 30%, gli sconti partono troppo presto"

Confesercenti fa il punto della situazione per i commercianti: "La 'fine stagione' parte quando ancora non è quasi iniziata. Serve posticipare la data di avvio"

Parte oggi, 7 luglio, la stagione dei saldi estivi. La data è stata decisa dalla Regione Toscana, ma continua a far discutere i commercianti per quanto venga considerandola poco appropriata per una "vendita di fine stagione", insieme alla pratica dei 'pre-saldi'.

Confesercenti Toscana Nord area pisana, con il suo responsabile Simone Romoli, spiega la necessità di cambiare: "Come si può parlare di fine stagione il 7 luglio? I commercianti hanno acquistato a prezzo pieno e sono costrette già in avvio di estate a ribassare. Lo diciamo da tempo e lo ripetiamo oggi: le date per l'avvio dei saldi vanno riviste. I saldi partono già quando la stagione non è quasi iniziata, a questo può aggiungersi la beffa di chi decide di iniziare ancor prima della data stabilita con messaggi di dubbia chiarezza e con strumenti più o meno tradizionali. C'è chi usa i social, i messaggi sul cellulare, ma addirittura chi pubblicizza nel proprio negozio i 'pre-saldi'. Si colpiscono i commercianti corretti con una concorrenza sleale e creando sempre più confusione nel consumatore".

La crisi si fa sentire ed i saldi sono considerati una boccata di ossigeno per gli imprenditori. Romoli: "Negli ultimi 8-10 anni la quota di spesa dedicata dalle famiglie pisane all'abbigliamento e alle calzature si è ridotta quasi del 30%. Le vendite di fine stagione rappresentano circa il 35% del fatturato dell'anno e quindi riteniamo che ad esse debba essere ridato il loro originario significato. Averne di continuo anticipato l'inizio ha di fatto snaturato questo tipo di vendita speciale a danno delle piccole e medie imprese, con il consumatore in totale confusione sulle varie forme di vendite straordinarie".

"I saldi debbono tornare ad essere delle reali vendite di fine stagione - conclude Romoli - posticipandone, quindi, l'attuale data di avvio. Inoltre, è necessario che si facciano rispettare le regole. Anche per questo ribadiamo la nostra contrarietà a ulteriori 'liberalizzazioni' nel settore. Così come con la stessa logica si sono deregolamentati gli orari e le aperture domenicali e festive del commercio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confesercenti Toscana Nord ricorda infine che la vendita di fine stagione (saldo) non ha obbligo di comunicazione al Comune. I dati da esporre nei cartellini sono il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo finale di vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana: 10 nuovi casi e 5 decessi

  • Il Giugno Pisano si farà: "Eventi simbolici per dare continuità alla tradizione"

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento