Stazione Marconi: si ritira la multinazionale pronta a finanziarne il recupero

Vengono così a mancare circa 1,5 milioni promessi per recuperare la struttura di Coltano. Il PD: "L'amministrazione non ha fornito le garanzie necessarie. Maggioranza inadeguata"

Si allontana la riqualificazione della stazione Marconi a Coltano. La multinazionale Intracom-Telecom, che si occupa di sistemi di telefonia mobile e smart cities e che opera in Spagna, Italia, America latina e non solo, a febbraio si era resa disponibile per cofinanziare il recupero della struttura con un investimento di 1,5 milioni di euro. Nei giorni scorsi però la doccia fredda: l'azienda ritira il finanziamento a causa di incomprensioni con il Comune. Sulla vicenda interviene il PD che attacca l'attuale maggioranza.

"Il primo sopralluogo con i responsabili dell'azienda e quelli del comune di Pisa, nonchè della Pro Loco di Coltano - scrivono in una nota i consiglieri del PD - è del 21 marzo scorso. Gli uffici tecnici sono a lavoro e gli incontri sono proficui. Da parte sua TLC Intracom Telecom subordina il finanziamento a un cronoprogramma ben preciso degli interventi di recupero, per avere le garanzie che il finanziamento vada nella giusta direzione".

Stazione Marconi a Coltano: multinazionale pronta a finanziare il progetto di recupero

"Nei giorni scorsi però la doccia fredda. L'azienda - prosegue il PD - dopo aver verificato l'insufficienza di garanzie da parte della nuova amministrazione e non aver avuto seguito a sollecitazioni e domande mirate all'impostazione del progetto di recupero, ha ritirato la sua disponibilità al comune di Pisa e ha fatto un passo indietro". Viene così meno il finanziamento di 1,5 milioni di euro. "A questo punto - prosegue il gruppo del PD - sono due le ipotesi all'orizzonte se si vuole recuperare il bene: gravare del costo la collettività, mantenendo interamente il finanziamento pubblico; trovare un altro sponsor dello stesso calibro in tempi rapidi".

IL PD pone quindi alcune domande alla nuova amministrazione. "Quali garanzie ha chiesto Telecom Intracom per dare il via libera al finanziamento e che l'amministrazione comunale e i tecnici non sono stati in grado di offrire nei tempi richiesti? Per quale motivo queste garanzie non sono state date? Quale tipo di problemi sono emersi e di che entità per determinare la perdita di una opportunità così grande?"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa amministrazione - conclude il PD - con i suoi ritardi e i suoi inadempimenti, sta di fatto impedendo il recupero della stazione Marconi dopo anni di trattative e di accordi intercorsi precedentemente. Il passo indietro di Telecom Intracom non è che la manifestazione dell'incapacità del sindaco di attrarre investimenti. Fin troppo facile spendere su progetti già finanziati dalla precedente amministrazione, ma di fronte a nuove possibilità, ecco che emerge in maniera del tutto evidente l'inadeguatezza della attuale maggioranza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Acqua potabile, dal 1° luglio scatta il divieto di uso improprio

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Come richiedere la carta d'identità elettronica a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento