Calambrone, si spezza l'albero del windsurf e viene trascinato al largo: salvato

Provvidenziale l'intervento della Guardia Costiera che è riuscita a recuperare l'uomo alle prese con il forte vento che soffiava sul litorale

Si è trovato in difficoltà proprio di fronte alla foce dello Scolmatore a Calambrone. Così con il proprio telefono cellulare, che custodiva in una sacca impermeabile, ha chiamato la sala operativa della Guardia Costiera di Livorno. Protagonista dell'episodio avvenuto sabato pomeriggio, 24 febbraio, un 51enne di nazionalità egiziana, residente a Montecatini Terme, che stava praticando windsurf.

L’uomo, avendo rotto l’albero della tavola, ha provato senza successo ad utilizzare il remo in dotazione, ma ha dovuto arrendersi alla forza di raffiche di vento di 40 km orari che lo hanno spinto al largo, a circa 2 km dalla costa. A quella distanza lo ha trovato la motovedetta della Capitaneria di Porto inviata per il soccorso. Stremato, il 51enne è stato tirato a bordo del mezzo della Guardia Costiera, il cui equipaggio è riuscito a recuperare anche il windsurf.

La Guardia Costiera coglie l'occasione per ricordare l’importanza del numero blu gratuito 1530, attivo 24 ore su 24, su tutto il territorio nazionale per segnalare qualsiasi situazione di emergenza in mare.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Come far risaltare l'abbronzatura a fine estate: 4 semplici consigli

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Cascina: il corpo di un 64enne ritrovato dietro la chiesa dell'Arnaccio

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

Torna su
PisaToday è in caricamento