Scontri Pisa-Brescia, la Gradinata: "Eventi voluti, c'è un disegno per eliminare la Curva"

I tifosi della Gradinata 1909 esprimono solidarietà ai supporters nerazzurri coinvolti nei fatti di sabato ed affermano che la responsabilità dell'accaduto è di chi doveva garantire l'ordine

Il gruppo organizzato di tifosi Gradinata 1909 interviene sul caso degli scontri in cui sono coinvolti 92 ultras della Curva Nord. "Da ieri sera - scrive in un comunicato - leggiamo di tutto e di più sui fatti successi prima della partita Pisa-Brescia e per questo ci sentiamo anche noi di dire la nostra. Noi della Gradinata 1909 ci sentiamo di esprimere la massima solidarietà ai quasi 100 ragazzi della Curva Nord Maurizio Alberti".

"Dalle testimonianze della gente che transitava in macchina e a piedi in direzione stadio nei momenti dei fatti - raccontano i tifosi - è abbastanza chiaro a tutti noi che gli episodi di ieri sono stati cercati e voluti, e non da parte dei tifosi, e chi ieri aveva la responsabilità di far rispettare l'ordine pubblico non ha fatto niente per evitare che questo avvenisse. A noi sembra evidente che ieri è stato messo in atto un piano studiato a tavolino che faceva comodo a tanti, vedi le immediate dichiarazioni di sindaci, prefetti e anche di vari giornalisti, per togliere di mezzo una tifoseria, un gruppo di ragazzi che durante l'estate erano riusciti ad unire, ad aggregare attorno ad una giusta causa un'intera città".

"Non ce lo leva dalla testa nessuno che qui il calcio, gli ultras, lo sport c'entrino ben poco, dietro a tutti gli episodi di ieri, a noi - conclude la Gradinata - sembra che ci sia un disegno preciso che va oltre a tutto questo. Quello che per noi ieri è successo è un agguato sì, ma studiato a tavolino per eliminare una Curva che a livello sociale e di aggregazione aveva preso forza e tutto ciò a chi ci comanda dà noia, parecchia noia. Auspichiamo che sugli episodi accaduti ieri e le ripercussioni che purtroppo avranno su decine di nostri fratelli di sciarpa non cada il silenzio e l'indifferenza: ora è il momento di unirci ancora di più intorno ai ragazzi della Curva per aiutarli in qualsiasi maniera lecita a far venire a galla la verità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • Cede il fondo stradale: chiuso cavalcavia della superstrada

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

Torna su
PisaToday è in caricamento