Normale al Sud, la Scuola Sant'Anna: "No a succursali fuori da Pisa"

Prosegue la discussione dopo l'annuncio dell'apertura di una sede a Napoli della Scuola Normale Superiore

Continuano a susseguirsi le prese di posizione, in città, dopo l'annuncio della nascita di un distaccamento meridionale della Scuola Normale Superiore di Pisa. Da un lato Comune e Sant'Anna, che si dichiarano contrarie all'ipotesi. Dall'altro la Scuola Normale che attraverso il suo direttore rivendica la bontà del progetto.

La posizione del Comune

Il primo a prendere parola sulla vicenda era stato il sindaco di Pisa, Michele Conti. "Ho appreso con stupore - aveva detto il primo cittadino - che la commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha approvato nottetempo un emendamento che di fatto snatura la Scuola Normale Superiore: la maggioranza di governo ci ripensi". Una posizione ribadita nelle ultime ore anche dal presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai, che aveva invitato a utilizzare "i finanziamenti stanziati per l’istruzione di una Scuola Normale Meridionale per lo studio e la ricerca presso la nostra Scuola Normale qui di Pisa".

La Scuola Normale rivendica il progetto

Dal canto suo la scuola d'eccellenza rivendica invece la bontà del progetto, sottolineando come questo fosse parte del programma che ha permesso a Vincenzo Barone, nel 2016, di essere eletto direttore della Normale. L'intervento di Conti è stato considerato da Barone come una sorta di 'invasione di campo'. "Se il sindaco non è d'accordo si faccia eleggere alla guida della Normale", questo più o meno il concetto espresso da Barone. Il direttore della Scuola Normale ha anche sottolineato come i fondi per la succursale partenopea della Normale siano vincolati per investimenti nel sud Italia e non potrebbero quindi in alcun modo essere destinati a Pisa.

Scuola Sant'Anna: "No a succursali fuori da Pisa"

A prendere posizione anche la Scuola Sant'Anna che ribadisce la sua volontà a non aprire succursali fuori dal territorio. "La Scuola - si legge in una nota - ha puntato con convinzione e determinazione sulla Federazione tra Scuole di eccellenza, insieme prima alla Scuola Iuss di Pavia e, successivamente, alla stessa Scuola Normale Superiore di Pisa, mirando in tal modo a migliorare ulteriormente la propria reputazione scientifica e la qualità della formazione, sia sul piano nazionale sia su quello internazionale. Sappiamo bene, infatti, che la qualità nella formazione e nella ricerca scientifica avanzata non si conquista in pochi anni, e che per fermare la fuga dei talenti dal nostro Paese occorra offrire oggi, non domani, alternative prestigiose e quindi credibili in Italia". 

"La Scuola Normale Superiore - continua la nota - esiste ed eccelle a Pisa e nel mondo da 208 anni. Oggi Pisa, con la sua Università, la Scuola Normale e la Scuola Sant'Anna ha tutte le carte in regola per rappresentare un  punto di riferimento e di opportunità per i giovani di talento di tutta Italia e anche nel mondo. La nostra linea è dunque di potenziare e ulteriormente migliorare ciò che palesemente funziona: non è nostra intenzione aprire succursali al di fuori di Pisa e del suo territorio circostante. Noi su questa strada siamo impegnati e la scelta della federazione tra Scuole Universitarie va decisamente in questa direzione".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Comunque appare chiaro che Barone non ami la città di Pisa. Probabilmente per lui è una scocciatura che Pisa abbia avuto la normale per 200 anni. Ma ormai il destino della normale è lontano da Pisa, da tempo ormai. Non è nemmeno più la normale di Pisa. Che vi duri la pacchia....

  • La verità è che se fosse accaduto in un altra città ci sarebbe stata la rivoluzione. Solo a Pisa si può fare cose del genere, come per esempio è successo con l’aeroporto.

  • di solito i grandi amministratori sono quelli che attraggono fondi e attirano competenze, noi a Pisa delocalizziamo e se lo fai notare ti dicono anche "fatti votare"....

  • Vediamola in un'altra maniera:tanti giovani talenti del Sud che non dovranno fare il "viaggio della speranza" al Nord.UN arricchimento nel proprio territorio.Speriamo solo la qualità non decada....

    • Il sud è grande, potevano farla a Crotone, Bari, Salerno. Il viaggio della speranza rimane lo stesso, Napoli per uno di Palermo è lontano lo stesso.

  • va dove ti porta ...il portafoglio

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzo disperso in Arno: ricerche per tutta la notte

  • Cronaca

    Scuola Normale: mozione di sfiducia nei confronti del direttore Barone

  • Economia

    Piaggio: nuovo stabilimento a Boston per produrre i robot Gita

  • Cronaca

    Gioco d'azzardo: il Codacons diffida le questure toscane a chiudere le sale slot vicine a luoghi sensibili

I più letti della settimana

  • Tragedia a Navacchio: impiegato si impicca in banca

  • Lavoro e proteste: lungo sciopero dei benzinai

  • Meteo, perturbazione in arrivo: allerta gialla per neve

  • Centro storico, maxi-retata antidroga: chiuso anche il punto Snai di Viale Gramsci

  • Meteo: prima arriva il freddo, poi la neve

  • Ragazzo disperso in Arno: ricerche per tutta la notte

Torna su
PisaToday è in caricamento