Marcatura 'CE' falsa su centinaia di giocattoli: blitz in un magazzino

Nel locale a Madonna dell'Acqua era presente merce destinata a rifornire un negozio nei pressi della stazione di Pisa Centrale. Denunciata una donna

Il materiale sequestrato

Nei giorni scorsi, sulla base di un interscambio informativo con i Carabinieri Forestali, secondo le direttive impartite dal prefetto di Pisa nell’ambito del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, la Guardia di finanza di Pisa ha individuato, a Madonna dell’Acqua, un deposito di beni destinati alla vendita in un negozio nei pressi della stazione di Pisa Centrale, riconducibile ad una persona di nazionalità cinese.

Sugli oltre 50.000 pezzi rinvenuti all’interno del magazzino era stata apposta una marcatura 'CE' falsa. L'operazione ha così consentito di evitare la vendita di prodotti potenzialmente pericolosi, tra cui numerosi giocattoli destinati ai più piccoli.

Le indagini, tuttora in corso, hanno permesso inoltre di denunciare all’Autorità giudiziaria la titolare dell’esercizio commerciale, una cittadina di nazionalità cinese di 30 anni, per frode in commercio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • CE: China Exchange

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Vandalismi alle auto in sosta, l'assessore Gambaccini: "Specchietto divelto all'auto di mio marito"

  • Cronaca

    Trema la terra in Toscana: due scosse di terremoto

  • Meteo

    Maltempo in arrivo: dal cielo giallo arriva la 'pioggia sporca'

  • Attualità

    'Codice Celiachia': dal 1° giugno addio ai buoni cartacei

I più letti della settimana

  • Foto con la Torre di Pisa per la Brooke di Beautiful

  • Donna investita sulla linea ferroviaria Viareggio-Pisa: ritardi alla circolazione

  • Lascia lo zaino sul sedile dell'auto mentre porta il bimbo all'asilo: torna e trova il vetro spaccato

  • I supermercati aperti a Pasqua e Pasquetta a Pisa e dintorni

  • Incidente in via Conte Fazio: auto resta in bilico su due ruote

  • Night Club con lavoratori in nero e ragazze senza permesso di soggiorno

Torna su
PisaToday è in caricamento