Campo rom della Bigattiera: è il giorno dello sgombero

Lo sgombero del campo rom si farà: la decisione in seguito alla firma dell'ordinanza da parte del sindaco Marco Filippeschi. La relazione Usl parla di condizioni ambientali e igieniche non compatibili con la presenza umana

Forze dell'ordine nei pressi del campo (foto Sergio Bontempelli/Fb)

Ci siamo. La notizia era nell'aria. Lo sgombero della Bigattiera si farà oggi. Sono già arrivate infatti le forze dell'ordine per dare attuazione all'ordinanza firmata da sindaco Marco Filippeschi venerdì scorso. Sul posto, a difesa dei rom, le associazioni Africa Insieme e Rebeldìa che chiedono una proroga per parlare con il questore, dopo aver lottato da giorni per il ritiro del provvedimento del primo cittadino.

L'obiettivo dell'amministrazione comunale resta quello di lavorare ad un progetto per il superamento dei campi. "A Pisa sono censiti 800 nomadi di etnia rom, sinti e caminanti - ha spiegato il sindaco Marco Filippeschi - di questi 450 stanno nei campi e 350 in alloggi. In proporzione non penso che ci sia una città in Toscana con questa presenza in rapporto al numero di abitanti. Procediamo come secondo il programma di mandato, con la richiesta di un'equa ripartizione all'interno della Provincia e della Regione e con la strategia, voluta dall'Europa, di superamento dei campi".

Potrebbe interessarti

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Calli e duroni che dolore! I consigli per gli inestetismi dei piedi

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Trovato cadavere in un'auto con un coltello nel petto

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Cadavere nel parcheggio ad Ospedaletto: disposta l'autopsia

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • Pontedera, si ribalta con l'auto: un ferito e traffico interrotto

Torna su
PisaToday è in caricamento