Siccità nelle campagne volterrane, il sindaco chiede lo stato di calamità

Il sindaco di Volterra Marco Buselli, ha illustrato la difficile situazione all'assessore regionale per l'agricoltura Salvadori, dichiarando di voler procedere con la richiesta dello stato di calamità

"Ho chiamato stamani - commenta il sindaco di Volterra Marco Buselli - l'assessore regionale all'agricoltura Gianni Salvadori, illustrandogli la difficilissima situazione della nostra zona. Chiederò lo stato di calamità per le campagne del Volterrano, in riferimento alle attività agricole e di allevamento, come richiesto anche dagli operatori del settore, provati dalla dura crisi".

Buselli afferma di aver dato la massima disponibilità del comune, per collaborare alla mappatura dei laghetti artificiali da ripristinare sul territorio,  la proposta è stata apprezzata dall'assessore. "Ci sono 4 milioni di euro stanziati per tutta la
Toscana e non sono molti - prosegue il sindaco di Volterra - Spero che qualche intervento importante possa essere finanziato. Serve la collaborazione dei privati per avere un censimento completo dei laghetti artificiali da poter recuperare  ai fini agricoli e antincendio. È necessario anche attrezzarsi con piccoli investimenti sul recupero delle acque piovane. L'autosufficienza idrica è determinata da un complesso di fattori, anche piccoli, molti dei quali sono stati nel tempo sottovalutati".

Potrebbe interessarti

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

Torna su
PisaToday è in caricamento