Via Rosselli: a colpi di martello per smantellare tetto di eternit

I Vigili Urbani sono intervenuti dopo una segnalazione telefonica: alcuni operai erano intenti a rimuovere la copertura in eternit di un edificio di proprietà Enel. Multa di 5mila euro per il titolare dell'impresa

La Polizia Municipale di Pisa alle prese con un tema di grande attualità: l’eternit. E’ di questi giorni, infatti, la notizia della sentenza di condanna dei vertici della multinazionale Eternit di Casale Monferrato.

Dopo una segnalazione telefonica, il distaccamento Nord Ovest della Polizia Municipale si è recata in Via Fratelli Rosselli dove ha sorpreso all’opera alcuni operai di una ditta edile, intenti a smantellare una copertura in eternit di un edificio di proprietà Enel a colpi di martello. Immediatamente diffidati dal proseguire le operazioni di demolizione in corso, gli operai venivano tutti identificati così come il titolare della impresa, un cittadino bulgaro, sopraggiunto di lì a poco, il quale di prima mattina si è visto così notificare un verbale dai Vigili Urbani per l’importo complessivo di oltre 5mila euro.

L’eternit è un materiale di rifiuto nocivo e pericoloso ed il suo smaltimento richiede apposite procedure e soggetti qualificati. La violazione delle norme che disciplinano l’asportazione di questi rifiuti, in assenza di iscrizione nell’apposito albo professionale, e quindi senza alcuna delle cautele previste dalle normative vigenti, comporta conseguenze da non trascurare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

Torna su
PisaToday è in caricamento