Ospedali allagati, sopralluogo dei Cinque Stelle: "Responsabilità politiche a monte"

I consiglieri regionali e comunali hanno effettuato una visita nelle zone degli ospedali colpite dal nubifragio di lunedì. "Ci chiediamo come una struttura che non ha ancora 5 anni possa presentare criticità di questo genere" affermano

Sopralluogo negli ospedali di Cisanello e Santa Chiara dei consiglieri regionali e comunali del Movimento 5 Stelle che hanno voluto toccare con mano gli effetti degli allagamenti registrati in alcuni reparti lunedì mattina, dopo il nubifragio che si è abbattuto sulla città. Erano presenti per il Consiglio Regionale Irene Galletti e Andrea Quartini, per il Consiglio Comunale di Pisa Valeria Antoni e Elisabetta Zuccaro.

Per il Movimento 5 Stelle "gli allagamenti, i black out e le interruzioni di servizio che si sono verificati nella giornata di lunedì non sono giustificabili dall'eccezionalità dell'evento atmosferico, ma mettono in luce importanti responsabilità politiche di chi ha concepito l'espansione dell'ospedale su una superficie ampia e dispersa in molteplici edifici, con una qualità edilizia che è sotto gli occhi di tutti, in una cassa di espansione della Golena d'Arno; di chi ha collocato nei seminterrati di edifici costruiti su terreni alluvionali, apparecchiature e servizi sanitari da cui dipende la vita di molti pazienti".

Gli esponenti dei Cinque Stelle sono stati accompagnati nel sopralluogo presso l'ospedale di Cisanello dal dott. Marco Nerattini, direttore UO Innovazione e Sviluppo. "Negli edifici 31 e 30C abbiamo preso visione dei locali e delle apparecchiature interessate da black out/allagamenti - raccontano i 'grillini' - tra questi gli ambulatori di terapia dialitica pesantemente allagati e ora ripristinati salvo la necessità di verifiche microbiologiche dell'ambiente che deve essere asettico. Nel reparto di radiodiagnostica, una Tac è stata ripristinata soltanto stamani e una risonanza magnetica verrà fatta ripartire domani. Nel reparto oculistica, gastroenterologia e radiodiagnostica stanno valutando eventuali danni ai macchinari e schermi ad alta definizione. Siamo rimasti colpiti - proseguono - dalle infiltrazioni di acqua provenienti dai soffitti, attraverso i giunti che uniscono i lastrici dei tetti. Ci chiediamo come una struttura che non ha ancora 5 anni possa presentare criticità di questo genere e perché si pensi ora a potenziare il sistema di pompaggio delle idrovore quando la sicurezza idraulica dovrebbe essere un presupposto di una costruzione di nuova concezione".

"Abbiamo preso atto positivamente del grande lavoro svolto dal personale nel gestire e risolvere la crisi ma riteniamo che esistano responsabilità politiche a monte - sottolineano i Cinque Stelle - infatti, mentre chi governa continua a preoccuparsi di tagliare nastri a prescindere dalla qualità degli interventi, prosegue a Cisanello l'opera di impermeabilizzazione del suolo di una zona già critica, con la previsione di asfaltare 3 lotti di parcheggi per un totale di 4000 posti auto, senza prendere in considerazione tecniche di realizzazione meno invasive dell'asfalto". "Vogliamo una sanità che risponda alle esigenze dei cittadini e non agli interessi di lobby e comitati d'affari che mascherano, dietro a costosi progetti faraonici, importanti interessi privati" concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 15 e 16 febbraio

Torna su
PisaToday è in caricamento