Caldo, sorveglianza attiva per anziani fragili in Valdera: il vademecum

Ecco a chi rivolgersi per attivare l'assistenza. Diffuse anche le buone pratiche da rispettare per ridurre i rischi

Il caldo torrido è dietro l'angolo in estate. Per prevenire e sostenere le persone anziane in difficoltà torna la rete di aiuto che coinvolge Asl, Comuni, medici di famiglia e terzo settore promossa dalla Regione Toscana e realizzata dalla Società della Salute Valdera, in collaborazione con le associazioni di volontariato e l'Auser, nell'ambito delle attività di sorveglianza attiva per anziani fragili previste dal Piano Integrato di Salute della Valdera. Le azioni sono previste per l'intero territorio della zona Valdera.

La sorveglianza attiva verso gli anziani fragili segnalati dai medici di famiglia o dagli assistenti sociali viene attivata dal servizio sociale della Società della Salute della Valdera: prevede un progetto personalizzato che si sviluppa attraverso contatti telefonici e visite domiciliari attivabili su richiesta per interventi di prossimità (distribuzione acqua, piccole commissioni, pratiche di utilità quotidiana, eventuale accompagnamento, allertamento del medico o del 118 per interventi di urgenza o di natura sanitaria ecc).

I cittadini per chiedere aiuto o segnalare situazioni di difficoltà potranno rivolgersi ai servizi sociali del proprio presidio distrettuale di residenza (Pontedera, Bientina, La Rosa, Ponsacco) o al proprio medico curante, oppure telefonando al tel. 0587 273626 tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore
12.

Sul sito della Regione, del Comune di Calcinaia e della Sds Valdera si trova il depliant informativo con istruzioni pratiche e suggerimenti per affrontare il caldo. Di seguito ecco il testo del vademecum.

Il vademecum

In casa

- scegli le prime ore del mattino per rinfrescare i locali dell’abitazione;

- impedisci l’ingresso dei raggi solari con tende alle finestre, persiane, veneziane e scuri per controllare la temperatura delle stanze; 

- soggiorna nelle zone più fresche della casa e preferisci gli ambienti ventilati;

- cerca di trascorrere poco tempo ai piani alti delle abitazioni con tetti e solai non bene isolati e nelle zone esposte al sole: non ricevono la giusta areazione; 

- limita l’uso dei fornelli e del forno che tendono a riscaldare l’ambiente domestico;

- lavati con acqua tiepida: rinfresca e dà una sensazione di benessere;

- privilegia l’uso di un condizionatore d’aria, ma è buona regola non abbassare eccessivamente la temperatura rispetto all’esterno per evitare bruschi sbalzi termici;

- se usi ventilatori meccanici non indirizzarli direttamente sulle persone e regolali in modo che l’aria circoli in tutto l’ambiente;

- bevi molti liquidi e preferisci bevande non alcoliche e senza caffeina. Adotta un’alimentazione leggera a base di frutta, verdura, pesce e conserva al fresco gli alimenti;

- a letto evita coperte e pigiami aderenti, meglio un lenzuolo.

Fuori casa

- evita di uscire nelle ore calde della giornata (dalle 11 alle 17) ed evita l’esposizione diretta al sole;

- preferisci i vestiti di colore chiaro, non aderenti e possibilmente di cotone e lino (evita fibre sintetiche). Non dimenticare occhiali da sole e cappello;

- se svolgi attività fisica, programmala al mattino presto o dopo il tramonto; 

- trascorri più tempo possibile in ambienti climatizzati (negozi o altri luoghi pubblici).

In auto

- se l’auto non ha climatizzatore, evita di viaggiare nelle ore più calde della giornata;

- se hai parcheggiato l’auto al sole, prima di iniziare il viaggio, ventila l’abitacolo per abbassare la temperatura interna;

- se devi fare un lungo viaggio porta dell’acqua con te, potrà essere utile soprattutto nel caso di code o rallentamenti;

- non lasciare persone o animali, nemmeno per brevi periodi, nell’auto parcheggiata al sole;

- se l’auto è climatizzata, prima di fermarsi per la sosta, regola la temperatura su valori di circa 5°C inferiori a quella esterna;

- usa tendine parasole;

- evita di orientare le bocchette della climatizzazione verso il conducente e i passeggeri.

Uso dei farmaci

- leggi attentamente le modalità di conservazione riportate sulle confezioni dei farmaci. Qualora non fossero esplicitate, conserva i farmaci nella loro confezione, lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e, comunque, a temperatura inferiore ai 30°C;

- il caldo può potenziare l’effetto di molti farmaci utilizzati per la cura dell’ipertensione e di molte malattie cardiovascolari. E’ opportuno quindi effettuare un controllo più assiduo della pressione arteriosa ed eventualmente richiedere il parere del medico curante. Ogni decisione sulla terapia deve essere presa sempre in accordo con il medico alla luce di ogni singola situazione clinica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

Torna su
PisaToday è in caricamento