Migliarino, spaccio di droga: chiuso il bar Happy Days lungo l'Aurelia

Il bar è diventato luogo di incontro tra clienti e pusher: l'attività del locale era già stata sospesa nel giugno del 2009 e nell'ottobre 2011. Gli spacciatori utilizzano la folta vegetazione lungo la ferrovia per dileguarsi

E' diventato luogo ideale per gli incontri destinati alla compravendita della droga. Per questo il questore della Provincia di Pisa, Gianfranco Bernabei, ha disposto la sospensione per quindici giorni dell'attività del bar Happy Days, lungo l'Aurelia a Migliarino.

Questura e Polizia Ferroviaria durante i controlli effettuati nell'area hanno accertato che i clienti si fermano sulla statale e cercano l’intermediario, che poi a sua volta si attiva con gli altri che detengono la droga, i quali, per evitare i controlli, si nascondono tra la folta vegetazione che costeggia il tratto di ferrovia confinante con l’Aurelia, ottima via di fuga, in caso di pericolo.

L’ultimo arresto è stato compiuto dal personale della sezione Polfer di Pisa proprio qualche giorno fa: gli agenti hanno sorpreso infatti due cittadini extracomunitari, in possesso di sostanza stupefacente, nascosti sotto la cucina del bar la cui attività è stata ora sospesa.

La temporanea chiusura del locale, che già nel giugno del 2009 e nell’ottobre 2011 era stato oggetto di analoga sospensione, è stata decisa per impedire il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale e per evitare che il bar continui ad essere luogo di frequentazione e incontro per spacciatori e consumatori di droga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento