Stazione, spaccio e ricettazione davanti al minimarket: esercizio chiuso e 7 denunciati

La Polizia ha osservato per giorni le attività sotto i loggiati, fra baratti e mercatini della droga

Appostamenti per giorni e blitz per bloccare i traffici illeciti in zona stazione. Si è chiusa una nuova operazione di controllo del territorio, eseguita dalla Squadra Volante insieme alla Divisione Polizia Amministrativa ed alle unità cinofile della Guardia di Finanza. Il bilancio finale parla di 7 denunciati, di cui 4 per spaccio, 2 per ricettazione ed uno per inosservanza della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio e resistenza. Chiude il conto il sequestro di 50 grammi di sostanza stupefacente e decine di identificati, quasi tutti pregiudicati.

Ad accomunare le persone coinvolte il fatto che tutto sia avvenuto davanti uno specifico minimarket di fronte alla stazione. Già nel 2014 l'esercizio era stato destinatario di un provvedimento di chiusura per motivi di ordine e sicurezza pubblica, date le molteplici frequentazioni di soggetti pregiudicati. La Questura in questo caso ha disposto la sospensione dell'attività commerciale per 25 giorni.

Le telecamere di videosorveglianza hanno immortalato il sottobosco illecito della zona, fatto di spaccio e scambi illeciti. In un caso documentato dagli agenti si vedono due stranieri che dibattono sull'acquisto da parte di uno di loro di un maglione bianco di marca, che alla fine viene acquistato con la cessione di una sostanza stupefacente. Gli uomini della Squadra Volante, intervenuti immediatamente sul posto, hanno fermato i due, risultati essere un gambiano e un marocchino con numerosi precedenti. La droga erano 10 grammi di hashish. Sono così scattate le denunce per spaccio e ricettazione.

Un 30enne nigeriano, cliente fisso del minimarket, aveva praticamente aperto bottega davanti il minimarket, dal quale si riforniva di sostanze alcoliche. La sua attività di spaccio era fiorente: poggiato su un'autovettura di fronte all'ingresso dell'esercizio, nel corso dei giorni di osservazione, si è reso responsabile di numerose cessioni di sostanza stupefacente. Ad un primo controllo era riuscito a fuggire, ma il 13 febbraio scorso è stato ancora monitorato e gli agenti hanno anche visto persino dove nascondesse la droga. Al momento di una nuova vendita sono intervenuti, insieme all'unità cinofila della Guardia di Finanza. Il nigeriano è stato trovato nella diponibilità di 30 grammi di marijuana, nascosti in un calzino sotto la ruota dell'autovettura e alla base di un palo vicino l'accesso al minimarket.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento