Sparatoria in pineta, il 18enne ha parlato: la svolta è vicina

Il 18enne di origine marocchina ha parlato con i Carabinieri di Pisa e un parente, per ricostruire la sparatoria in cui è rimasto gravemente ferito, perdendo l'uso delle gambe

Possibile svolta nelle indagini sulla sparatoria della pineta, dove l'altro giorno è rimasto gravemente ferito un giovane ragazzo clandestino di origine marocchina. Il giovane ha solo 18 anni e rimarrà paralizzato a vita: i 3 spari gli hanno fatto perdere l'uso delle gambe e i medici non sanno ancora se potrà riacquistare la mobilità delle braccia.

Adesso è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Pisa anche se non è più in pericolo di vita. Il 18enne è vigile e lucido e ieri ha incontrato un parente e i Carabinieri, ai quali ha riferito delle indicazioni utili per ricostruire il movente e individuare i suoi aggressori. A seguito del grave episodio avvenuto nella pineta di Migliarino, ieri si è riunito anche il Consiglio provinciale per discutere sul tema della sicurezza e trovare soluzioni concrete per il contrasto dell'illegalità nella zona.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Canapisa, il Consiglio Comunale: "Sia svolta a rotazione anche in altri comuni"

    • Cronaca

      Viale delle Piagge, bocconi avvelenati: cani in pericolo

    • Cronaca

      San Marco-San Giusto: parte il piano delle riasfaltature

    • Cronaca

      Daspo ai tifosi nerazzurri, Ucic-Prc: "Alla faccia del diritto alla libertà di circolazione"

    I più letti della settimana

    • Il delfino dell'Arno è malato: sarà riaccompagnato in mare

    • San Giuliano Terme: anziano ritrovato senza vita

    • Visita sulle Mura Medievali: nuova apertura straordinaria gratuita

    • Università: gli atenei pisani fra i migliori d'Italia per l'Anvur nella ricerca

    • Via Francesco da Buti, rapina al supermercato: fermato un bandito

    • Peccioli, fuori strada con l'auto: paura per una ventenne

    Torna su
    PisaToday è in caricamento