Sparatoria in pineta, il 18enne ha parlato: la svolta è vicina

Il 18enne di origine marocchina ha parlato con i Carabinieri di Pisa e un parente, per ricostruire la sparatoria in cui è rimasto gravemente ferito, perdendo l'uso delle gambe

Possibile svolta nelle indagini sulla sparatoria della pineta, dove l'altro giorno è rimasto gravemente ferito un giovane ragazzo clandestino di origine marocchina. Il giovane ha solo 18 anni e rimarrà paralizzato a vita: i 3 spari gli hanno fatto perdere l'uso delle gambe e i medici non sanno ancora se potrà riacquistare la mobilità delle braccia.

Adesso è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Pisa anche se non è più in pericolo di vita. Il 18enne è vigile e lucido e ieri ha incontrato un parente e i Carabinieri, ai quali ha riferito delle indicazioni utili per ricostruire il movente e individuare i suoi aggressori. A seguito del grave episodio avvenuto nella pineta di Migliarino, ieri si è riunito anche il Consiglio provinciale per discutere sul tema della sicurezza e trovare soluzioni concrete per il contrasto dell'illegalità nella zona.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Droga, abusivi e guida fuori regola: forze dell'ordine in azione

    • Cronaca

      Controlli della Polizia Municipale: 113 sanzioni in un giorno per divieto di sosta e doppia fila

    • Cronaca

      Vecchiano: ladri danneggiano due scuole e il distretto sanitario

    • Cronaca

      Fornacette, scoperta discarica abusiva: cimitero da 81 auto e amianto

    I più letti della settimana

    • Montopoli, incidente sulla Tosco-Romagnola: un morto e due feriti

    • Lutto nella sanità pisana: muore il professor Morlunghi

    • Incidente stradale nella notte a Cisanello: coinvolte tre auto

    • Uliveto Terme, scontro frontale fra due auto: due giovani ferite

    • Incidente stradale a Marina di Pisa: due feriti

    • Cascina, esce da scuola e non torna a casa: scomparsa 16enne

    Torna su
    PisaToday è in caricamento