Gioco d'azzardo: sportello di primo ascolto per chiedere aiuto alla Misericordia

Pisa è fra i 4 territori toscani in cui partirà la sperimentazione del progetto 'Il primo passo'

In Toscana, secondo i dati rilevati dall'Osservatorio della Regione sulla dipendenza da gioco, il numero delle diagnosi per questo tipo di patologia è aumentato di 5 volte in soli sei anni. Il problema della dipendenza da gioco, con vincite o perdite in denaro, è sempre più diffuso e sentito dalla popolazione per l'impatto spesso devastante che ha sugli individui anche più fragili e sulle famiglie, ma solo poche persone ancora chiedono aiuto. Per questo le Misericordie della Toscana hanno messo a punto, insieme all'Associazione Culturale Preludio di Firenze, il progetto 'Il primo passo': una sperimentazione su territori pilota, fra cui Pisa, per attivare sportelli di primo ascolto. L'idea è quella di valutare l'impatto del progetto, per poi estenderlo, con apposita formazione degli operatori, alle 310 sedi distaccate in tutta la Regione. 

I luoghi scelti, oltre Pisa, sono Agliana, Campi Bisenzio e Lido di Camaiore. "Il primo passo - spiega il presidente delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi - vuol essere uno spazio, all'interno delle Misericordie, di accoglienza e ascolto dove i nostri volontari si metteranno a disposizione della cittadinanza per fornire informazioni di tipo preliminare sul tema del gioco d'azzardo. Si tratta di un luogo in cui trovare interlocutori adeguatamente preparati, in grado di accogliere, ascoltare, comprendere, sostenere e fornire informazioni di tipo preventivo e di riduzione dei rischi connessi al gioco, nel quale sia possibile riflettere sui fenomeni ad esso legati, prendere consapevolezza delle dinamiche compulsive, verificare le forme più idonee future di trattamento, facilitando poi l'invio a strutture pubbliche. L’attività necessita quindi di una stretta collaborazione e di un raccordo continuo con i servizi territoriali, individuando un riferimento pubblico con cui collaborare".

"Il progetto 'Il primo passo' dedicato al disturbo da gioco d'azzardo - aggiunge la dott.ssa Emanuela Laquidara, psicoterapeuta sistemico-relazionale responsabile del progetto per l'associazione Preludio - nasce da una sinergia tra la nostra associazione e le Misericordie della Toscana, con lo scopo di prendere in considerazione quello che rappresenta uno dei momenti più significativi e drammaticamente genuini: la richiesta d'aiuto. In tal senso ha preso corpo l'idea di uno spazio che rappresenta un luogo reale e simbolico definibile come 'spazio di accoglienza', rivolto alla cittadinanza, dedicato all'informazione e alla sensibilizzazione all'interno dei presidi delle Misericordie. E questo rappresenta il primo dei tanti passi da percorrere che si colloca tra il chiedere aiuto e il decidere di chiedere aiuto, differenza probabilmente difficile da cogliere per chi non si trova a vivere un percorso simile. Due momenti connessi, precisi e distinti, dai quali dipenderà gran parte del cammino che i protagonisti di questa dipendenza potranno intraprendere valutando le forme più idonee di trattamento. Ma questo è già un secondo passo".

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Pioggia e temporali in Toscana: scatta l'allerta

  • Maltempo in arrivo: allerta meteo gialla per temporali

Torna su
PisaToday è in caricamento