Bancarelle in piazza Duomo: Tar e Consiglio di Stato confermano lo spostamento

Durante il Consiglio comunale è stato fatto il punto sulla situazione sulle bancarelle in piazza Duomo, necessario per il restauro del Museo delle Sinopie. La procedura di spostamento è stata confermata dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato

Durante il Consiglio comunale di oggi, l'assessore al commercio David Gay ha fatto il punto della situazione sullo spostamento delle bancarelle da piazza del Duomo. Un provvedimento necessario per permettere il restauro del Museo delle Sinopie, come richiesto dall'Opera Primaziale. Il Comune ha già predisposto un'area per accogliere le bancarelle, per il periodo dei lavori, nel parcheggio di via Pietrasantina, dove ogni anno transitano 3 milioni di turisti. Lo spostamento è deciso e la procedura è stata confermata anche dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato.

Come risulta dall'ordinanza dirigenziale, con diverse note l'Azienda Ospedaliera e l'Opera Primaziale hanno comunicato al Comune di dover procedere unitariamente e con urgenza ai lavori di restauro e di messa in sicurezza della facciata e delle strutture di copertura dell'immobile denominato Spedale Nuovo. L'Opera Primaziale ha presentato un progetto di riqualificazione complessiva del museo dell'Opera e gli enti suddetti hanno comunicato che gli interventi erano necessari ed improcastinabili a causa di episodi di distacco di parti rilevanti della facciata, il cui degrado, poteva comportare eventi dannosi e incontrollabili, oltre che danni irreparabili ai beni artistici contenuti nel museo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Principio di incendio al Centro dei Borghi: evacuato

  • Lavoro: 16 assunzioni alla SEPI

  • Ciak si gira: a Pisa il via alle riprese della seconda stagione de 'L'amica geniale'

  • Maltempo in Toscana: in arrivo piogge e temporali

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 21 e 22 settembre

  • Temporali in arrivo: allerta meteo arancione su tutta la Toscana

Torna su
PisaToday è in caricamento