Stazione Marconi: nuovo incontro tra Comune e la multinazionale pronta a finanziare il recupero

Sopralluogo a Coltano con l'amministratore delegato dell’azienda e l’assessore Serfogli. Il progetto: un museo della radio e un polo di ricerca e innovazione sulle telecomunicazioni

Si è svolto oggi, mercoledì 21 marzo, il primo incontro tecnico tra il Comune di Pisa e l'azienda Intracom-Telecom per concretizzare la disponibilità, da parte della multinazionale, a contribuire finanziariamente al recupero della Stazione Marconi di Coltano. L’amministratore delegato della società, Mohamed Ahmed, insieme ad altri rappresentanti dell’azienda, è venuto a Pisa per effettuare un sopralluogo presso la struttura e incontrare l'assessore Andrea Serfogli, accompagnato dal rappresentante della Proloco di Coltano, Antonio Dell'Omodarme, dal direttore generale del Comune Marzia Venturi, dall'architetto Marco Guerrazzi, e da altri dirigenti e tecnici comunali.

Stazione Marconi: multinazionale pronta a finanziare il progetto di recupero

Durante l'incontro, che si è svolto presso la Villa Medicea di Coltano, l’amministratore di Intracom-Telecom ha confermato il suo interesse nella sponsorizzazione del recupero della Stazione, motivandolo con la volontà di colmare un debito morale nei confronti di Guglielmo Marconi, inventore della storia delle telecomunicazioni nel mondo. Serfogli ha analizzato con i tecnici del Comune e i rappresentanti legali dell'azienda le possibilità tecniche con cui poter concretizzare la sponsorizzazione di 1,5 milioni di euro.

"E' stato un incontro molto positivo. Sono state ipotizzate due strade possibili - spiega Serfogli - la sponsorizzazione da parte dell'azienda dopo la gara pubblica gestita dal Comune per l'affidamento del progetto e dei lavori, oppure la presentazione della proposta da parte dell'azienda a cui poi, dopo pubblicazione di manifestazione di interesse, segue l'affidamento del progetto definitivo e della realizzazione di un lotto funzionale a completamento della ristrutturazione. Ipotesi quest'ultima per cui propendiamo, per evitare di far slittare eccessivamente l'intervento visti i tempi necessari per l'espletamento delle procedure di gara. Interesse dall'investitore è proprio quello di assicurarsi che il progetto di recupero della stazione si concluda in tempi sufficientemente rapidi e possa rappresentare per l'azienda un ritorno di immagine".

Proseguono anche i lavori di bonifica dell'area, dopo lo stop dovuto al ritrovamento di amianto. Questi primi interventi, finanziati dall'amministrazione per 47mila euro, sono possibili grazie al fatto che il demanio, dopo anni di richieste, ha dato il bene in concessione al Comune per due anni. Una volta elaborato un progetto definitivo di restauro il Comune potrà chiedere al demanio la concessione del bene a titolo definitivo per trasformarlo in un ‘Museo della Radio' dedicato a Marconi. Per realizzare il progetto complessivo di recupero servono circa 2,5 milioni di euro di cui circa un milione di euro sarebbe finaziato dal Comune.

Potrebbe interessarti

  • Estate in spiaggia ma occhio agli altri: ecco il bon ton del Codacons

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Peccioli: morta una donna

  • Maltempo: codice giallo per temporali nelle zone interne orientali della Toscana

  • Si sente male in agriturismo: morto

  • Alcol e droga a 16 anni: ricoverata in gravi condizioni

  • Due lievi scosse di terremoto a Castelnuovo Val di Cecina

  • Condizioni igieniche precarie e cibo senza tracciabilità: chiuso ristorante a Calambrone

Torna su
PisaToday è in caricamento