Stazione Marconi a Coltano, il degrado al Tg1: "Serve soluzione, immagine negativa"

Il sindaco Filippeschi commenta la situazione del Centro Radio nelle campagne pisane dopo il servizio andato in onda giovedì sera

Il degrado presente alla Stazione Marconi di Coltano alla ribalta nazionale grazie al servizio trasmesso ieri sera, 28 dicembre, nell'edizione delle 20 del Tg1. Scritte sui muri, calcinacci, una vera e propria 'foresta' nata all'interno della casa della radio, e poi ruote di auto, sporcizia e rifiuti vari. Una situazione allo sfascio che la stessa figlia di Guglielmo Marconi, Elettra, ha chiesto di risollevare, mettendo magari anche una targa per ricordare 'l'impresa' di cui suo padre andava fiero: nel 1910 partì infatti, per la prima volta, proprio dalle campagne di Pisa, un messaggio radio che dall'Europa raggiunse l'Africa.

Il giorno dopo il servizio su Rai Uno, il sindaco Marco Filippeschi commenta la situazione della Stazione Marconi, di proprietà del Demanio. "La denuncia di un vero e proprio scandalo nazionale ha preso finalmente quota. Il Comune si è fatto avanti, come si sa, con un progetto per il trasferimento definitivo della proprietà demaniale e con la richiesta di un'assegnazione almeno provvisoria per interventi minimi di mantenimento. Con una prima risposta - afferma il sindaco Filippeschi - nell'ultimo incontro con il capo di gabinetto del ministro Dario Franceschini, Giampaolo D'Andrea, ho di nuovo segnalato il caso, sollecitando anche un intervento del Mibact. Si sa che ho sensibilizzato i presidenti della Repubblica Napolitano e Mattarella. È una battaglia che la città deve vincere. Ma la memoria di Guglielmo Marconi ha un valore assoluto, mondiale. Dunque si tratta di una risposta che Governo e Parlamento devono dare, che ha una dimensione certamente risolvibile. Lo scandalo è che ad oggi non si è trovata e le immagini delle rovine della Stazione danno un'immagine molto negativa del nostro paese".

Sulla vicenda interviene anche la Lega Nord. “Il degrado e l’incuria - afferma Manuel Vescovi, capogruppo leghista in Consiglio Regionale - hanno preso, da tempo, il sopravvento in quella struttura storica, da cui agli albori del ‘900 Guglielmo Marconi fece partire il primo radiomessaggio transoceanico”. “Una situazione non degna di un paese civile - prosegue il consigliere - che riteniamo debba essere prontamente sanata, ridando piena dignità ad un luogo che è stato un gioiello della scienza”. “E’ inaccettabile - riflette Vescovi - che, come affermato anche dalla figlia Elettra, gli stranieri guardino col massimo rispetto al nostro illustre connazionale, mentre noi lasciamo che ogni tipo di rifiuti e quant’altro trovino ospitalità nell’immobile ormai diventato un rudere”. “Pertanto - conclude - faremo un’interrogazione per chiedere alla Regione Toscana, per quanto di sua competenza, d’intervenire per dare il via ad una effettiva ristrutturazione del luogo”.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche Edoardo Ziello, segretario comunale di Pisa della Lega, che ribadisce come la famosa stazione radiotelegrafica versi, effettivamente, in condizioni pietose, considerata la notevole importanza storica dell’edificio. “Visto che il sindaco - sottolinea il rappresentante locale del Carroccio - aveva promesso di farci un museo della comunicazione e non ha mai, colpevolmente, provveduto a realizzarlo, anche a seguito della pubblica denuncia fatta al Tg1 dalla figlia del grande Marconi, abbiamo quindi chiesto al nostro Gruppo consiliare in Regione di predisporre un’apposita interrogazione per fare piena luce su questa triste vicenda”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • ma chi se ne frega se il bene è di proprietà del Demanio, il sindaco di Pisa avrà pure l'autorità e l'autorevolezza per intervenire presso il Demanio e presso il Ministero dei Beni Culturali! O vogliamo che quel fabbricato crolli? Per provocazione, al limite, il sindaco poteva emettere un'ordinanza di demolizione o impartire alla proprietà un ordine di intervento al fine di eliminare il pericolo. E non dimentichiamo che c'è la possibilità di paternariato con le imprese o con i privati, il Comune potrebbe contribuire alla spesa per i lavori sollecitando l'intervento dei privati sotto forma di sponsorizzazione. Con questo sistema hanno restaurato il Colosseo, possibile che non si possa salvare un piccolo fabbricato come quello? La legge c'è e facilita perfino la procedura: art. 2 del D. lgs 30/2004: “per i lavori indicati all’articolo 1, commi 1 e 2, (concernenti i beni mobili ed immobili e gli interventi sugli elementi architettonici e sulle superfici decorate di beni del patrimonio culturale) realizzati mediante contratti di sponsorizzazione a cura ed a spese dello sponsor, nel rispetto dei principi e dei limiti comunitari in materia, non trovano applicazione le disposizioni nazionali e regionali in materia di appalti di lavori pubblici, ad eccezione di quelle sulla qualificazione dei progettisti e dei soggetti esecutori. Nei casi previsti dal comma 1, l’amministrazione preposta alla tutela del bene impartisce le opportune prescrizioni in ordine alla progettazione, all’esecuzione delle opere ed alla direzione dei lavori”.

    • Colto nel segno. Il modo un sindaco lo ha sempre, anche indirettamente. È la volontà e l'iniziativa che mancano, olire al cervello. Queste persone vanno solo compatite, più di li non arrivano. Facciamocene una ragione.

  • Ma chi commenta sa leggere o è analfabeta? C'è scritto chiaramente che il bene è del Demanio e quindi in Comune non può spenderci sopra un euro. Vi basta dare la colpa a Filippeschi (che ne ha) di tutto senza ragionare su nulla.

    • Stazione Marconi di Coltano al Tg1 „Il Comune si è fatto avanti, come si sa, con un progetto per il trasferimento definitivo della proprietà demaniale e con la richiesta di un'assegnazione almeno provvisoria per interventi minimi di mantenimento“ Significa che può parlarci col demanio, no? E può sollecitare mille volte, anche. Sono riusciti a dar via un aeroporto, non riescono a farsi regalare due ruderi nei dieci anni di Filippeschi? Si vede le priorità erano altre, dai.

      • analfabeta è chi pensa che il sindaco di un capoluogo di provincia non abbia la possibilità di intervenire, ma vogliamo scherzare?

  • #thisispisa

  • Buongiorno! Serviva il tg1? Ora a chiacchiere correte hai ripari ma non per trovare reale soluzione ma per limitare la MEGA FIGURA DI MER.DA che questa giunta ha fatto a livello nazionale. Hai paura di perdere voto eh Filippeschi?

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Coltano: perde il controllo della macchina e si ribalta

  • Cronaca

    Festa della Liberazione dedicata a Bargagna, il Sindaco: "Un esempio a cui ispirarsi"

  • Cronaca

    Tenta di aprire il portellone durante un volo diretto a Pisa: paura in aereo

  • Meteo

    Maltempo: allerta meteo per temporali e rischio idrogeologico

I più letti della settimana

  • Giù dal cavalcavia mentre viaggia in moto: muore attore pisano

  • Trema la terra in Toscana: due scosse di terremoto

  • Foto con la Torre di Pisa per la Brooke di Beautiful

  • San Giovanni alla Vena: cadavere in Arno

  • Auto travolta dalla piena del fiume: donna dispersa

  • Via del Cottolengo, si rifiuta di fare l'elemosina: colpito al volto con un cazzotto

Torna su
PisaToday è in caricamento