Furti a Putignano: "Istituzioni assenti, ora vogliamo risposte concrete"

In un documento elaborato dal Ctp3 i cittadini chiedono più forze dell'ordine sul territorio, telecamere, illuminazione nei punti maggiormente sensibili e la realizzazione del sottopasso

Marco Biondi, presidente del Ctp3 insieme al consigliere comunale, Veronica Fichi, e ai residenti della circoscrizione

Un presidio di polizia mobile, telecamere nei punti 'sensibili' del territorio, illuminazione nelle zone più a rischio e risposte concrete sul fronte delle opere pubbliche, in particolare per quanto riguarda la realizzazione del sottopasso di Putignano. Sono solo alcune delle richieste che il Ctp3 ha formalizzato in un documeno che verrà inviato nei prossimi giorni al sindaco di Pisa, Marco Filippeschi. "I fatti accaduti nei giorni scorsi - afferma Marco Biondi, presidente del Ctp3 - impongono un'assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni. I nostri quartieri sono tra i più interessati dal fenomeno dei furti nelle abitazioni. Più volte abbiamo denunciato la situzione promuovendo incontri con le autorità e con i cittadini: ora chiediamo l'adozione di tutti quei provvedimenti che chiediamo da tempo".

Sono diverse le richieste avanzate dai cittadini. "Pur riconoscendo lo sforzo compiuto da questa Amministrazione - prosegue Biondi - è necessario proseguire nel superamento di situazioni di degrado e di illegalità ancora presenti nei nostri quartieri. Le proposte che avanziamo non hanno la pretesa di essere risolutive, ma è necessario che tutti gli enti coinvolti, Prefettura, Questura e Comune, ci ascoltino. In caso contrario si corre il rischio che i cittadini, ormai esapserati, perdano la fiducia nei confronti delle istituzioni che li rappresentano".

Tra le principali richieste quella di un presidio mobile delle forze dell'ordine, come quello attivo alla stazione centrale. "Una richiesta - prosegue Biondi - che avevamo già fatto al Prefetto durante una riunione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza che si era svolta proprio a Putignano a giugno scorso. In quell'occasione ci era stato garantito che il servizio sarebbe stato attivato, in via sperimentale, nel corso dell'estate scorsa, ma così non è stato. Bisogna anche tenere presente che da più di dieci anni è anche stata tolta la stazione dei Carabinieri a Riglione e da allora la situazione nei nostri quartieri è decisamente peggiorata".

I cittadini chiedono anche che si renda veramente 'di quartiere' il presidio di Vigili Urbani di Riglione. "Gli agenti della Municipale - continua il presidente del Ctp3 - non controllano realmente il nostro territorio perchè vengono continuamente spostati sui punti ritenuti più sensibili: il litorale, durante l'estate, e il centro cittadino durante l'inverno". Tra le altre richieste l'installazione di telecamere nei punti maggiormente sensibili e risposte sul versante delle opere pubbliche. "In particolare - continua Biondi - per quanto riguarda la realizzazione del sottopasso di Putignano di cui si parla ormai da decenni. Ma anche una nuova illuminazione e la riqualificazione di aree verdi e pubbliche".

"Infine - conclude Biondi - chiediamo che vengano resi pubblici i dati riguardanti i furti in città, con una mappatura dettagliata del nostro territorio, e che si continui a coinvolgere i cittadini nel progetto 'sguardo di vicinato'. Da parte nostra, quello che possiamo fare, è garantire il massimo grado di partecipazione, consapevoli però che non possono essere i cittadini a farsi giustizia da soli, ma deveno essere le istituzioni a garantirci il massimo grado di sicurezza".

Sul documento elaborato dal Ctp3 interviene anche il consigliere comunale Pd, Juri Dell'Omodarme. "Condivido in pieno il documento - scrive Dell'Omodarme - adesso occorre sollecitare risposte concrete dalle istituzioni e dalle autorità competenti. La questione della sicurezza ha un ambito molto più ampio di quello locale e proprio per questo il Governo può dare un serio contributo alla nostra città. Inoltre va al di là degli schieramenti politici perchè incide sulla vita quotidiana di tutti i cittadini e per questo dobbiamo essere tutti uniti e lavorare in sinergia con le istituzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • Pisamo assume due persone a tempo indeterminato: i dettagli della selezione

  • Sai quanti punti hai sulla patente? Le istruzioni per verificare il saldo

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

Torna su
PisaToday è in caricamento