SuperAbile: un'atleta 'pontederese' in corsa per le paralimpiadi di Tokio 2020

Daniela Pierri, nata in Puglia con una grave malformazione congenita, da tempo vive e si allena a Pontedera

Daniela Pierri entra in SuperAbile. La 36enne atleta pugliese di nascita ma residente a Pontedera, nata con una malformazione congenita, senza la gamba destra (ed anche con una ipoplasia congenita con malformazioni delle dita, sempre alla mano destra) è un'atleta di spicco del panorama nazionale. Adesso è in corsa per staccare il pass per le paralimpiadi di Tokio 2020 ed è entrata a far parte del progetto SuperAbile ideato e fondato da Alfredo Boldorini, consigliere comunale di Bassano Romano (VT), con il prezioso aiuto di Alessandra Mosci e Fortunata Scarponi. Un progetto che ha riscosso grande apprezzamento anche in terra toscana.

Daniela Perri racconta come nasce la sua passione per l'atletica. "E’ stato un colpo di fulmine. Da piccola mi piaceva l’atletica, vedevo le Olimpiadi in tv. Il mio idolo era Fiona May". La svolta quattro anni fa. "Un giorno - ricorda Perri - mi guardai allo specchio e non avevo più il sorriso ma solo 20 chili in più. Da quel momento ho cominciato a frequentare le piste di atletica. Corsa e salto sono le mie specialità. Negli ultimi anni ho intensificato gli allenamenti. Il mio obiettivo è Tokio 2020. Ce la metterò tutta per centrale la qualificazione".

Ma negli obiettivi di Daniela Pierri non c’è solo l’atletica. "Ringrazio Alfredo Boldorini - puntualizza - per avermi coinvolta in questo progetto. A dire il vero mi ha anticipato in quanto, dopo il trasferimento a Pontedera per gli impegni sportivi e dopo averli presentati anche in quelle di Udine, volevo portare questi messaggi anche nelle scuole della cittadina toscana. Avevo già preso contatti con Matteo Franconi, assessore allo sport. Sono onorata di portare il mio messaggio ai ragazzi delle scuole toscane. Mi fa molto piacere aderire al progetto SuperAbile".

"L’ingresso di Daniela Pierri in SuperAbile - afferma Alfredo Boldorini - da un lato arricchisce il nostro format e dall’altro consente agli studenti di avere a disposizione un’altra esperienza di vita, di riscatto, di rinascita. Per otto anni impegnata nelle scuole, con all’attivo un titolo italiano nel salto in lungo (2,95) e argento nei 60 metri (11,57), Daniela rappresenta davvero un’eccellenza, un grande testimonial su come non mollare mai davanti alle avversità della vita. Ed anzi, trovare spunto per ripartire da queste più motivati che mai. Siamo veramente onorati di averla con noi in squadra e la ringrazio per essersi messa a disposizione del nostro progetto".

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi e cocktail estivi: 5 proposte da Marina a Calambrone

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Bollette della luce: consigli per non avere brutte sorprese d'estate

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

I più letti della settimana

  • Casting, a Pisa arriva 'L'amica geniale': si cercano comparse

  • Attenzione al ragno violino: come difendersi dal suo morso

  • Incidente stradale sull'Arnaccio: due persone in ospedale

  • Caso Ragusa, la Cassazione conferma: Logli condannato a 20 anni

  • Ricerche per una donna dispersa in mare: ritrovata sulla spiaggia di San Rossore

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 13 e 14 luglio

Torna su
PisaToday è in caricamento