Cascina: tentano il furto di cavi telefonici, ma l'allarme scatta

I malviventi hanno abbandonato diverse matasse di cavi di rame di proprietà della Telecom: all'arrivo dei Carabinieri erano già fuggiti. Il fenomeno sta diventando sempre più diffuso in Toscana

Hanno cercato di rubare cavi di rame da una linea telefonica della Telecom ieri sera al km 6,3 dell'Arnaccio, nei pressi di Santo Stefano a Macerata nel comune di Cascina. Ma l'allarme installato sulla linea è partito intorno alle 20 e ha permesso ai Carabinieri di accorgersi del furto in atto. All'arrivo dei militari i ladri erano già fuggiti lasciando in terra vicino ad un furgone abbandonato svariate matasse di cavo telefonico. Refurtiva e automezzo sono stati posti sotto sequestro.

I tecnici di Telecom Italia, spiega una nota della compagnia telefonica, sono tempestivamente intervenuti: è già stato ripristinato il cavo asportato, scrive Telecom, e le linee telefoniche coinvolte sono state riattivate. Mentre, in merito ai possibili disservizi, l'azienda sottolinea "di essere parte lesa rispetto ad un fenomeno che anche in Toscana sta iniziando a verificarsi". (fonte Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento