Terremoto Emilia: Volterra adotta San Felice sul Panaro

La Croce Rossa e la Misericordia volterrane hanno allestito un gazebo per raccogliere fondi da destinare alla cittadina emiliana particolarmente colpita dal sisma che ha devastato la regione

Croce Rossa e Misericordia di Volterra, con il patrocinio dell'amministrazione comunale del centro etrusco, hanno "adottato" uno dei Comuni più colpiti dal sisma emiliano, San Felice sul Panaro, promuovendo una raccolta fondi in piazza per la popolazione colpita dal terremoto. Lo rende noto il sindaco di Volterra, Marco Buselli, che ha già informato dell'iniziativa il primo cittadino emiliano.

Croce Rossa e Misericordia hanno già allestito il gazebo di raccolta vicino al Marzocco sull'angolo della centralissima piazza dei Priori. "Ringrazio le due associazioni di volontariato - afferma Buselli - per la tempestività con la quale si sono coordinate, evidenziando oltre al gran cuore, anche la principale caratteristica per costruire un sistema di protezione civile che funzioni. Spero che il nostro piccolo contributo possa in qualche modo alleviare le difficoltà della popolazione di San Felice".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Sport

      Pisa - Ascoli a porte chiuse: folla di tifosi fuori dall'Arena

    • Cronaca

      Giornata della Protezione Civile: il bilancio di un anno di attività

    • Cronaca

      Peccioli: piantagione di marijuana nascosta nel bosco

    • Cronaca

      Pisa non dimentica: una targa in memoria di Giorgio Nissim

    I più letti della settimana

    • Ora solare 2016: ecco quando spostare le lancette

    • Maltempo, bomba d'acqua sulla città: strade allagate

    • Lavori sul ponte di Tombolo: Aurelia chiusa per due mesi

    • Agnano: autobus di linea prende fuoco

    • Pisa-Ascoli, i tifosi si mobilitano: 'abbraccio' alla squadra e contestazione alla società

    • Pontedera, semaforo al Chiesino: rilevate 20 infrazioni al giorno

    Torna su
    PisaToday è in caricamento