Trasferimento personale biblioteca, la lettera: "Non private l'Sms di contributi professionali tanto preziosi"

A scrivere la missiva al primo cittadino sono i volontari pisani del progetto 'Nati per leggere' che temono ripercussioni sull'attività della struttura

Continua a far discutere la decisione del Comune di Pisa di trasferire 12 dipendenti dell'ente a servizi diversi rispetto agli attuali. In particolare ad intervenire sul trasferimento di tre dipendenti della Biblioteca comunale sono i volontari pisani di 'Nati per Leggere', il progetto attivo dal 1999 su tutto il territorio nazionale, promosso dall’alleanza tra bibliotecari e pediatri con l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, per fornire loro occasioni per sviluppare le proprie capacità socio-cognitive e relazionali.

Il gruppo pisano che porta avanti l'iniziativa ha scritto una lettera al sindaco Michele Conti e all'assessore alla Cultura Andrea Buscemi per spingere l'amministrazione comunale a tornare sui suoi passi.

"Lo scorso 7 novembre, nello ‘spazio ragazzi’ della Biblioteca SMS, c’è stato il nostro consueto incontro mensile. Con grande costernazione, abbiamo appreso che l’organico del personale della Biblioteca sarà pesantemente ridotto e che intanto la nostra referente provinciale del progetto 'Nati per Leggere', da un giorno all’altro è stata trasferita ad altro ufficio - si legge nel testo - questa decisione ci stupisce, e ci addolora molto, perché è soprattutto grazie alla passione, alla professionalità ed alle reti di relazioni che questa persona ha saputo tessere nel tempo, che è stato possibile: creare sinergie tra pediatri, consultori, associazioni del territorio, operatori dei nidi e delle scuole dell’infanzia, al fine di promuovere la lettura in famiglia; organizzare in Biblioteca incontri dedicati ai temi più sensibili della genitorialità; presentare libri e laboratori per i bambini ed i loro genitori; estendere i nostri interventi anche in spazi esterni rispetto alla Biblioteca SMS, come il reparto di Pediatria dell’ospedale di Santa Chiara, gli ambulatori pediatrici, la Stazione Leopolda e largo Ciro Menotti in occasione di ‘Pisa Food and Wine’ e ‘Pisa in Fiore’".

I volontari hanno notato nel tempo un aumento degli utenti dello 'spazio ragazzi' della Biblioteca e temono "fortemente che questo trasferimento ed altre riduzioni di organico possano compromettere il proseguimento dei progetti in corso e delle iniziative sopra illustrate, che invece hanno avuto un’importante ricaduta sia per la ‘cultura’ che per la salute ed il benessere della nostra comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera si chiude con la speranza che l'amministrazione comunale voglia riconsiderare le decisioni prese per non privare la Biblioteca SMS di "contributi professionali tanto preziosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Coronavirus in Toscana: solo sette i nuovi casi, un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 14 nuovi casi e 6 decessi

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 12 nuovi casi e 2 decessi

Torna su
PisaToday è in caricamento