homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Marina di Pisa: raccolta fondi per una bambina, ma è una truffa

La Pubblica Assistenza del Litorale Pisano smentisce le voci in essere a Marina di Pisa circa l'iniziativa: "Non siamo noi"

"A seguito di alcune notizie che pervengono all'associazione relative ad una presunta raccolta fondi per operare una bambina all'estero, si intende informare l'utenza che ad oggi la stessa non sta facendo alcuna raccolta. Chiunque avesse notizie veritiere in merito alla questione o se esiste davvero questa necessità l'associazione è a completa disposizione per aiutare la famiglia. In caso contrario vi preghiamo di informare l'autorità competenti".

E' questo l'allarme lanciato dalla Pubblica Assistenza del Litorale Pisano a seguito delle voci circolanti per Marina di Pisa circa la falsa richiesta a nome della Palp. Al momento non c'è traccia dell'iniziativa originaria, lanciata quindi da un gruppo non specificato, con il dubbio che possa trattarsi di uno stratagemma per sottrarre denaro a persone ignare.

Il presidente Aldo Cavalli: "Qualcuno sta abusando del nostro nome. Mi ha informato il vicepresidente Marco Magri ed abbiamo subito avvisato prendendo le distanze da questa attività di cui non facciamo parte". Ribadita la disponibilità nel sostenere iniziative come questa il passato non lascia presagire niente di buono: "A volte c'è qualcuno che si presenta col giaccone arancione come il nostro presso le case chiede soldi, non sarebbe la prima volta. Due-tre anni fa lo fece un gruppo dalla Garfagnana. Purtroppo va così, chiediamo ai cittadini di fare attenzione".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Lorenzana: esteso incendio di sterpaglie e bosco

    • Cronaca

      Stazione: agenti Polfer sventano furti ai turisti, denunciate tre donne

    • Cronaca

      Carcere Don Bosco: detenuto colpisce gli agenti penitenziari con le stampelle

    • Cronaca

      San Piero a Grado: al via i lavori per la nuova fognatura

    I più letti della settimana

    • Viale Gramsci, lite sfocia in rissa: coinvolte 30 persone

    • Pontedera, malore al supermercato Panorama: muore 51enne

    • Terremoto, serve sangue: il Centro trasfusionale di Cisanello aperto con orario continuato

    • Terremoto nel Centro Italia: a Pisa parte la raccolta di alimenti

    • Sicurezza, controlli della Polizia: denunciato un 20enne per atti osceni

    • Terremoto nel Centro Italia: anche i Vigili del Fuoco di Pisa in supporto

    Torna su
    PisaToday è in caricamento