venerdì, 25 aprile 9℃

'Ladri attori' truffano anziani: il finto vigile svaligia la cassaforte

Due nuove truffe in zona San Marco e Don Bosco, dove a distanza di più di un'ora si sono presentati due uomini, il primo fingendosi addetto del gas e il secondo un vigile urbano

Elisa Piras10 agosto 2012

Nel giro di pochi giorni, altre due truffe ai danni di persone anziane che vivono da sole, da parte di uomini che si sono finti operatori del gas e pubblici ufficiali. Insomma sembra che i nuovi ladri studino dei veri e propri corsi di recitazione, per truffare le loro vittime, che spesso sono anziani con l'abitudine a fidarsi un po' troppo di sconosciuti gentili.

Il primo caso è successo in un'abitazione dove vive da sola una donna di 80 anni: l’addetto del gas è riuscito ad entrare in cucina con la scusa di dover verificare se vi fossero delle perdite. Subito dopo si è presentato un altro uomo che presentandosi come vigile urbano è riuscito a farsi aprire, dicendo alla donna di aver recuperato alcuni oggetti rubati dall’appartamento durante la notte.

L'anziana signora, pur riconoscendo il suo portagioie e le fotografie che il finto vigile aveva in mano, non si è lasciata convincere a controllare in camera da letto se i ladri avessero rubato altro. Il colpo quindi non è andato a segno e il ladro se ne è andato, a detta della signora, con fare nervoso e agitato.

Nella seconda abitazione, il colpo messo in atto dai due malintenzionati è andato a buon fine: la coppia di anziani ( di circa 80 anni) ha dapprima fatto entrare l’addetto del gas in cucina e poi ha condotto anche il finto vigile, sopraggiunto poco dopo, sempre con la solita scusa che doveva fare un sopralluogo per verificare quanto fosse stato asportato dalla villetta la notte prima. La signora si è fatta convincere ad aprire la cassaforte, accorgendosi solo successivamente che l’uomo era riuscito a rubare tutto il contenuto: bracciali, anelli ed orologi in oro.

Annuncio promozionale

In seguto a questi episodi è bene ribadire il consiglio di chiamare immediatamente il 113, appena si vede che alla porta ci sono addetti della luce o del gas, o ancora vigili urbani o poliziotti. L’appello va rivolto soprattutto ai parenti e ai conoscenti di persone anziane che vivono da sole o in coppia.

truffe

Commenti