menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Università: inizia l'esperienza pisana per 67 studenti brasiliani

Sono arrivati in 37 dal Brasile, e a settembre saranno raggiunti da altri 30 ragazzi che frequenteranno per sei mesi o un anno l'Università di Pisa, grazie al programma "Scienze senza frontiere"

Gli studenti brasiliani

"Scienze senza frontiere" è un’imponente iniziativa di mobilità e internazionalizzazione del sistema universitario, che mira a promuovere esperienze di studio e ricerca all’estero per oltre 75 mila giovani brasiliani. I ragazzi appena arrivati a Pisa si iscriveranno ai corsi di laurea di ingegneria, medicina, veterinaria, agronomia e farmacia dell’Ateneo pisano e, nel mese di agosto, saranno ospitati alla residenza dei Praticelli.

L’Università di Pisa, insieme ad altri 10 atenei italiani, è stata scelta come meta di studio e di ricerca dal governo brasiliano per favorire la formazione e la ricerca dei propri giovani e tentare di integrare il proprio sistema della ricerca e del sapere ai più consolidati network internazionali. Il programma “Scienza Senza Frontiere” è coordinato da CAPES e CNPq: le agenzie governative brasiliane che si occupano del rafforzamento delle competenze e ricerche universitarie.

Attraverso il coinvolgimento dell’ambasciata brasiliana in Italia, CAPES e CNPq hanno individuato un certo numero di università e centri di ricerca italiani con cui sviluppare uno specifico schema di mobilità all’interno di “Scienza senza Frontiere”. Il progetto è strategico per l’internazionalizzazione dell’Università di Pisa, soprattutto per stabilire nuovi contatti anche ai fini della partecipazione a progetti di ricerca internazionali. La mobilità verso l’Ateneo pisano coinvolgerà tutti e 3 i livelli della formazione universitaria e presto arriveranno anche dottorandi e post-doc.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Piazza Duomo: falso allarme bomba dietro alla Torre

    • Cronaca

      Canapisa: cinque persone arrestate e diversi segnalati

    • Cronaca

      San Giusto, spari all'alba: fermati due ladri

    • Eventi

      Giugno Pisano, presentato il programma: quasi 200 eventi da fine maggio a luglio

    Torna su