Istituto Matteotti: scuola riaperta dopo i furti e i vandalismi dei giorni scorsi

Proseguono intanto le indagini per individuare i responsabili e la conta dei danni che potrebbero ammontare a decine di migliaia di euro

Potrebbe ammontare a decine di migliaia di euro (ancora da quantificare con precisione) il bilancio dei danni provocati da ignoti che, incappucciati per non farsi riconoscere, nei giorni scorsi sono entrati a più riprese all'istituto alberghiero Giacomo Matteotti, devastando aule e uffici. Vandali che per di più hanno filmato il loro teppismo postando poi le immagini delle aule devastate sui social network vantandosi di quanto avevano appena fatto.

Questa mattina, mercoledì 23 gennaio, la scuola è stata riaperta dopo che nella giornata di ieri era rimasta chiusa in seguito ai danni provocati dai vari raid. "Martedì - spiega il dirigente scolastico Salvatore Caruso - è intervenuta la ditta di pulizia esterna che abbiamo chiamato per mettere un pò di ordine e ripulire gli ambienti dalle polveri degli estintori che erano stati spruzzati. Tanti ragazzi si sono offerti per dare una mano, ma abbiamo preferito far fare tutto alla ditta incaricata".

Al momento è ancora in corso la conta dei danni (che potrebbero ammontare a oltre 20mila euro). "Proprio questa mattina - afferma ancora Caruso - sono insieme a un tecnico della provincia per fare un elenco dettagliato dei danneggiamenti subiti. Sono stati rubati computer, spaccate sedie e banchi, danneggiati i sistemi di allarme e i rilevatori antifumo, rotte macchinette del caffè e anche un defibrillatore. I danni ci sono: una volta fatta la conta sporgeremo denuncia alle forze dell'ordine". 

Le indagini per individuare i responsabili dei vari episodi stanno comunque procedendo. La prossima settimana potrebbero arrivare anche i provvedimenti disciplinari dello stesso istituto. "Non abbiamo fretta - afferma ancora Caruso - aspettiamo che le forze dell'ordine chiariscano le responsabilità di ognuno in riferimento ai diversi episodi, poi sarà il consiglio di istituto, non prima della prossima settimana, a decidere i provvedimenti caso per caso. Le situazioni possono essere anche diverse tra loro: chi è solo entrato avrà sicuramente provvedimenti diversi rispetto a chi ha spaccato o rubato attrezzature. Sicuramente - conclude il dirigente scolastico - è una situazione grave che non può passare sottobanco. Ripeto: la maggior parte degli studenti sono corretti. Ma i vandalismi e il degrado non possono essere accettati".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • occupare per far sì che si risolvino i problemi secondo me è più che giusto, occupare per spaccare rubare ecc... è una cazzata. troppi di voi parlano ma a scuola non vanno da almeno 20 anni andate a vedere come sono le scuole adesso e chiedete ai vostri caz z o di figlioli come si comportano i professori vedete che andate a occupare con loro.

  • e' ladro sia quello che ruba che quello che regge il sacco!!!! cosa vuol dire? entrare di notte non e' ugualmente gravissimo? ancora indulgenza!!!

    • Brava!

  • animali educati a comportarsi come tali. bocciatura e espulsione a tutti senza se e senza ma, oltre alle sacrosante pene x il reato di devastazione di bene pubblico.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Polizia Municipale: in arrivo taser, spray irritante e manganello

  • Cronaca

    Sant'Ermete, niente incontro col Comune: occupato il cantiere delle case popolari

  • Cronaca

    Pontedera, fermato mentre spaccia: nei guai un 20enne

  • Cronaca

    Voli sopra la città: raccolte oltre 1500 firme per chiedere la fine dell'inquinamento acustico

I più letti della settimana

  • San Giuliano Terme: cadavere ritrovato vicino ad un fosso

  • Intervento chirurgico eccezionale a Cisanello: salvato paziente in gravi condizioni

  • Cadavere impiccato a San Giuliano Terme: è suicidio

  • Incidente a Migliarino: auto fuori strada dopo l'impatto

  • Via Cattaneo: chiusa la macelleria islamica

  • Trascinata dall'auto del fidanzato: è grave

Torna su
PisaToday è in caricamento