Istituto Matteotti: scuola riaperta dopo i furti e i vandalismi dei giorni scorsi

Proseguono intanto le indagini per individuare i responsabili e la conta dei danni che potrebbero ammontare a decine di migliaia di euro

Potrebbe ammontare a decine di migliaia di euro (ancora da quantificare con precisione) il bilancio dei danni provocati da ignoti che, incappucciati per non farsi riconoscere, nei giorni scorsi sono entrati a più riprese all'istituto alberghiero Giacomo Matteotti, devastando aule e uffici. Vandali che per di più hanno filmato il loro teppismo postando poi le immagini delle aule devastate sui social network vantandosi di quanto avevano appena fatto.

Questa mattina, mercoledì 23 gennaio, la scuola è stata riaperta dopo che nella giornata di ieri era rimasta chiusa in seguito ai danni provocati dai vari raid. "Martedì - spiega il dirigente scolastico Salvatore Caruso - è intervenuta la ditta di pulizia esterna che abbiamo chiamato per mettere un pò di ordine e ripulire gli ambienti dalle polveri degli estintori che erano stati spruzzati. Tanti ragazzi si sono offerti per dare una mano, ma abbiamo preferito far fare tutto alla ditta incaricata".

Al momento è ancora in corso la conta dei danni (che potrebbero ammontare a oltre 20mila euro). "Proprio questa mattina - afferma ancora Caruso - sono insieme a un tecnico della provincia per fare un elenco dettagliato dei danneggiamenti subiti. Sono stati rubati computer, spaccate sedie e banchi, danneggiati i sistemi di allarme e i rilevatori antifumo, rotte macchinette del caffè e anche un defibrillatore. I danni ci sono: una volta fatta la conta sporgeremo denuncia alle forze dell'ordine". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini per individuare i responsabili dei vari episodi stanno comunque procedendo. La prossima settimana potrebbero arrivare anche i provvedimenti disciplinari dello stesso istituto. "Non abbiamo fretta - afferma ancora Caruso - aspettiamo che le forze dell'ordine chiariscano le responsabilità di ognuno in riferimento ai diversi episodi, poi sarà il consiglio di istituto, non prima della prossima settimana, a decidere i provvedimenti caso per caso. Le situazioni possono essere anche diverse tra loro: chi è solo entrato avrà sicuramente provvedimenti diversi rispetto a chi ha spaccato o rubato attrezzature. Sicuramente - conclude il dirigente scolastico - è una situazione grave che non può passare sottobanco. Ripeto: la maggior parte degli studenti sono corretti. Ma i vandalismi e il degrado non possono essere accettati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità pisana e mondiale: è morto il professor Franco Mosca

  • Coronavirus: ricercatori Aoup svelano una possibile correlazione con l'infiammazione della tiroide

  • Coronavirus: stop alla distribuzione gratuita delle mascherine nelle farmacie

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

  • Perde il controllo e si ribalta: il conducente esce prima che le fiamme distruggano l'auto

Torna su
PisaToday è in caricamento