Via la pista ciclabile su Ponte della Vittoria, Legambiente: "Non rinunciare alla 'mobilità gentile'"

L'associazione ambientalista commenta a caldo la decisione dell'amministrazione comunale di rinunciare alla sperimentazione della viabilità sul ponte cittadino

La pista ciclabile sul Ponte della Vittoria

La decisione, annunciata ieri, 21 settembre, in Consiglio Comunale, dal sindaco Marco Filippeschi, di ripristinare la viabilità precedente sul Ponte della Vittoria ha provocato le reazioni degli ambientalisti e di Fiab che avevano invece manifestato soddisfazione per la sperimentazione della pista ciclabile nell'arteria cittadina.

"Alla notizia del ripensamento dell’amministrazione comunale cerchiamo di superare la semplice polemica e ragionare alla ricerca di soluzioni - sottolineano da Legambiente - le soluzioni dipendono da quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Per Legambiente Pisa l’obiettivo è favorire la cosiddetta ‘mobilità gentile’ delle persone (piedi, bici, bus), riducendo l’uso del mezzo privato a motore. Avremmo così meno inquinamento e più salute, più socialità. Senza dimenticare che se vogliamo veramente interrompere la devastante tendenza ai cambiamenti climatici, dobbiamo ridurre al più presto il consumo di combustibili fossili". "Alla ricerca di soluzioni non si deve dimenticare che sono rimasti alcuni nodi, come i ponti e le vie di accesso, mentre la città è cresciuta, specialmente verso nord est dove risiede un pisano su tre e da dove provengono molti pendolari - analizzano dall'associazione - alcune vie che erano di scorrimento sono ora inevitabilmente vie cittadine. Sarebbe illusorio cercare soluzioni in alchimie che spostino il traffico da una strada all’altra: le auto sono troppe e troviamo le code in molte aree periferiche. Allora la soluzione non può che trovarsi nella ‘mobilità gentile’: non si tratta di punire categorie di cittadini, come gli automobilisti, ma di aiutare le persone a trovare altre vie. Cambiare è necessario e può essere utile a tutti".

"Non è facile: dal dire al fare il passo è lungo e difficile - proseguono da Legambiente - i disagi subiti nelle lunghe attese al Ponte della Vittoria sono stati per molti insopportabili e l’amministrazione comunale ha interrotto la sperimentazione. Ci auguriamo che l’amministrazione abbia sufficiente coraggio per non rinunciare all’obiettivo di realizzare una vera rete di piste ciclabili ancora mancante e, per il Ponte della Vittoria, sappia in breve tempo trovare soluzioni alternative. Ci auguriamo - concludono - che voglia attuare le indicazioni del Piano Urbano del Traffico, approvato da oltre quindici anni, che prevede di fermare le auto pendolari nei parcheggi scambiatori serviti dal mezzo pubblico. Come anche che sappia arrivare a un trasporto pubblico che sia frequente, regolare, esteso nel tempo e nello spazio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • Pisamo assume due persone a tempo indeterminato: i dettagli della selezione

  • Sai quanti punti hai sulla patente? Le istruzioni per verificare il saldo

  • Rebeldia, Unione Inquilini e Diritti in Comune contro Airbnb: "Affare milionario che svuota la città"

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

  • Maltempo, allerta meteo nel pisano: la situazione

Torna su
PisaToday è in caricamento