San Giuliano Terme, lotta all'inciviltà: telecamera portatile contro l'abbandono rifiuti

Sanzioni salate per gli incivili che rischiano fino a 500 euro. Positivi i primi risultati per individuare i 'furbetti' della spazzatura

(foto d'archivio)

Una videocamera portatile per dare un duro colpo a chi abbandona i rifiuti. Il Comune di San Giuliano Terme ha deciso di intervenire ancora più duramente per contrastare un fenomeno purtroppo ancora diffuso sul territorio, un fenomeno di inciviltà che porta al degrado e a pesanti ricadute sulla collettività e su chi rispetta le regole.

La Polizia Municipale del comune termale, di concerto con l’ufficio rifiuti, ha avviato dallo scorso gennaio una nuova campagna di monitoraggio del territorio per la repressione delle violazioni per quel che riguarda l’abbandono dei rifiuti. Come? Grazie a una innovativa videocamera portatile, nata proprio per questo specifico problema, che sarà affiancata alla rete di videosorveglianza già esistente.

“Dopo un primo periodo di sperimentazione, portato avanti nell'ultimo trimestre 2018, con l'inizio del nuovo anno il Comune ha messo a regime la nuova rete strumentale e i primi risultati stanno arrivando - commenta l’assessore all’Ambiente Daniela Vanni - la nuova video-trappola, progettata per mimetizzarsi perfettamente in qualunque contesto, verrà utilizzata in particolare per monitorare alcuni siti storicamente interessati da abbandoni, sia lungo le strade che presso le campane del vetro o presso i cestini dei parchi pubblici. Grazie a questa nuova strumentazione e alla videosorveglianza installata sul territorio, anche di privati, sono già sette gli episodi accertati dall'inizio dell'anno. Le frazioni nelle quali sono stati videodocumentati episodi di abbandono sono al momento Ripafratta e Ghezzano, ma la rete di sorveglianza è attiva su tutto il territorio comunale”.

Per gli incivili le sanzioni previste vanno da 200 a 500 euro.
L'attività investigativa prosegue e la Polizia Municipale sta effettuando accertamenti per l'individuazione degli autori ai fini dell'elevazione delle relative violazioni.

“Fermare un fenomeno odioso come l’abbandono dei rifiuti è una delle battaglie che la mia amministrazione ha sempre portato avanti con decisione - conclude il sindaco Sergio Di Maio - va fermato soprattutto per valorizzare l’impegno di chi ogni giorno smaltisce i propri rifiuti seguendo le regole: è inaccettabile che l’intera collettività debba pagare per l’inciviltà di pochi. Siamo migliori di così. Questo è un sistema innovativo che ci aiuterà ulteriormente. Noi, da parte nostra, non possiamo che tenere alta la guardia e incentivare il più possibile i comportamenti virtuosi”.

Potrebbe interessarti

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Calli e duroni che dolore! I consigli per gli inestetismi dei piedi

  • Disturbi, dolori e stanchezza: 5 segnali del nostro corpo da non sottovalutare

  • Potassio: in quali alimenti trovarlo e perché fa bene al cuore e ai reni

I più letti della settimana

  • Trovato cadavere in un'auto con un coltello nel petto

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Cadavere nel parcheggio ad Ospedaletto: disposta l'autopsia

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • Pontedera, si ribalta con l'auto: un ferito e traffico interrotto

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 20 e 21 luglio

Torna su
PisaToday è in caricamento